Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Notizie Abruzzo

0
 Arci denuncia calci e pugni al centro della città balneare su coppia di turisti brasiliani. "Sono aggregazoni nate di
0
Il Presidente Marco Cacciagrano ha convocato il Consiglio comunale per il giorno di giovedì 27 giugno 2019, alle ore
0
Il Consiglio regionale del Nursind incontra l'assessore alla Sanità Nicoletta Verì.   Principali temi di
0
Il Segretario del PD di Avezzano Giovanni Ceglie: "L’inerzia della Giunta Regionale sul Corridoio intermodale
0
 Lanciano, Popoli, Pineto, Silvi, Francavilla al Mare e Mozzagrogna   Mercoledì 19 giugno 2019, alle 10,30
0
Archeologia, cibo e verde. Il neo sindaco Vincenzo D'Ercole racconta il suo paese nel cuore della Valle del Fino.
Parte da Pescara la proposta di legge sugli strumenti di partecipazione popolare politica

L’iniziativa di legge regionale appartiene anche ad almeno 5 consigli comunali abruzzesi o ai gruppi politici regionali.

 

Le innovazioni della legge: Istituzione del dibattito pubblico come procedimento deliberativo popolare obbligatorio e preordinato a tutti i procedimenti autorizzatori relativi alle opere pubbliche e private di un valore superiore ai 50 milioni di euro; Sostegno regionale ai processi partecipativi locali promossi dai cittadini e/o dagli enti locali o proposti dalle istituzioni scolastiche e universitarie, istituzione del Garante regionale per la promozione della partecipazione ed altri

 

 

Si è svolta ieri a Pescara, presso la libreria Moroni a partire dalle ore 12,00 la prevista conferenza stampa indetta dal Coordinamento di Democrazia Costituzionale Abruzzo per la presentazione e il lancio della Proposta di legge regionale di Iniziativa Popolare per istituire anche in Abruzzo, come in altre regioni italiane (Toscana, Umbria, Emilia Romagna e altre), strumenti di partecipazione popolare alla programmazione e alle politiche regionali e locali.

 

Si concluderà l'iter con il deposito del progetto presso la Regione Abruzzo nel mese di settembre 2017 per avviare subito dopo la raccolta delle firme per la presentazione della proposta di legge di iniziativa popolare.

L’iniziativa di legge regionale appartiene anche ad almeno 5 consigli comunali abruzzesi o ai gruppi politici regionali. In tal senso, il CDC ha già da subito dichiarato la propria disponibilità a discutere nel merito anche l’eventuale possibilità di affiancare con la raccolta delle firme l’eventuale iniziativa dei comuni e/o dei consiglieri regionali.

 

 

Oltre ai dirigenti del Coordinamento regionale CDC e dell’Associazione Demos, ai rappresentanti di varie realtà già presenti in Abruzzo (comitati di quartiere, comitati cittadini, esperti della materia) hanno presenziato l’On. Gianni Melilla, Tommaso Di Febo, Stefano Ciccantelli, Corrado Di Sante, Francesco D’Agresta ed altri dirigenti dei partiti che hanno manifestato il loro interessamento e la loro adesione. Particolarmente importante è stata l’adesione al progetto di alcuni sindaci, come Francesco Mastromauro (Sindaco di Giulianova) e Gianni Di Centa (Sindaco di Montorio), già da tempo espressa e manifestata

 

 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…