Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Pescara, Real Piazza, una mostra studio

Incontri

Per la prima volta, dopo secoli, Pescara torna a parlare della sua Piazzaforte, struttura difensiva in cui la città è stata racchiusa all'epoca del Regno di Napoli prima e delle Due Sicilie poi, fino all'Unità d'Italia. Con un interessante sguardo indietro alla nostra storia, ha preso il via l’evento “Pescara Real Piazza”, al Centro Storico, (21 giugno/5 luglio 2013), che sta facendo emergere il grande interesse delle istituzioni culturali e della città alla dinamica evolutiva della cinquecentesca Piazzaforte. Tanti gli eventi che hanno aperto il programma, da una mostra a un percorso composto da pannelli informativi, passando per le giornate di studi. foto di Andrea Rapino

L’inaugurazione della mostra intitolata “Pescara, Real Piazza” - Un progetto per un rinnovato centro storico, ha visto la partecipazione di un numeroso, qualificato ed attento pubblico catturato da planimetrie, foto e disegni che per la prima volta, dopo secoli, sono stati esposti al pubblico..

L'esposizione è stata curata del Prof.: Claudio Varagnoli (Università di Chieti e Pescara), e della Dott.ssa Patrizia Luciana Tomassetti (Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici dell’Abruzzo), mentre il Coordinamento è stato di Stefano Cecamore e di Clara Verazzo, con le ricerche e l’allestimento di Gemma Renella e Michela Pirro. Altro aspetto importante è stato il coinvolgimento di una serie di istituzioni quali: l’Archeoclub di Pescara, l’Archivio di Stato di Pescara, l’Archivio di Stato di Napoli, l’Archivio di Stato di Chieti, la Biblioteca Nazionale di Napoli, l’ Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio di Roma, l’Archivo Histórico de la Nobleza (Toledo), l’ Archivo General de Simancas, e l’Österreichisches Staatsarchiv – Kriegsarchiv (Wien).

Le due giornate di studi, coordinate da Licio Di Biase e Claudio Varagnoli, hanno fornito elementi fondamentali per la conoscenza della realtà pescarese, molte volte distratta da un’eccessiva modernità che tutto travolge e disperde memorie e segni importanti del passato, determinando scelte discutibili. La partecipazione del direttore regionale ai Beni Culturali dell’Abruzzo, Fabrizio Magani, alle giornate di studi ha dimostrato il livello di attenzione di tutte le soprintendenze a questo evento e alla riscoperta della Piazzaforte. Tutti gli interventi sono stati di grande spessore culturale e vanno citati Claudio Varagnoli, Maria Raffaela Pessolano, Raffaele Giannantonio, Pasquale Tunzi, Adriano Ghisetti Giavarina, Lucia Arbace, Maria Alessandra, Vittorini, Silvano Agostini, Lucia Serafini, Caterina Palestini, Maria Teresa Spinozzi, Antonello de Berardinis, ed Enzo Fimiani.

In particolare Silvano Agostini, della soprintendenza archeologica regionale, ha illustrato gli esiti di sondaggi fatti nel perimetro della Piazzaforte in raccordo con l’amministrazione comunale evidenziando elementi che lasciano presagire la possibilità di organizzare degli scavi che potrebbero determinare rinvenimenti di eccezionale importanza per la città di Pescara.

Sabato pomeriggio c’è stata la presentazione dei pannelli informativi del “Centro Storico” realizzati col contributo del ROTARY CLUB PESCARA OVEST G. D’ANNUNZIO, a cui hanno partecipato Licio Di Biase, Erasmo Riocci, Presidente del Rotary club Pescara Ovest, Giulio De Collibus, Patrizia Tomassetti e le due studentesse che hanno discusso, recentemente, una tesi sulla Piazzaforte, Gemma Renella e Michela Pirro ed, infine, Amedeo D’Aurelio, dirigente del Comune di Pescara che ha creduto fortemente in questa iniziativa. Successivamente è stata organizzata una visita guidata ai pannelli informativi del Centro Storico a cura dell’Archeoclub, con il coordinamento di Giulio De Collibus, Enrico Siena, Martina Pantaleo, Angela Appignani. I 23 pannelli, che sono piastrelle in ceramica realizzati da Bontempo, indicano i luoghi più interessanti e importanti dell’area della Piazzaforte da visitare. Il percorso elaborato dal Comitato “Pescara Real Piazza” è la grande novità per leggere e capire la storia della città di Pescara, racchiusa nella Piazzaforte per tre secoli, fino all’unità d’Italia.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…