Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 

Quel genio di Camilleri. Montalbano è un fenomeno internazionale

LIBRI

di Emanuela Medoro

Un miliardo di spettatori globali, il commissario Montalbano è un fenomeno internazionale, esportato e amato in tutto il mondo, ricordato persino dal presidente della BBC in occasione del Prix Italia. Uno share, una porzione di pubblico, in Italia del 36%, straordinario.

Amatissimo, dunque, perché rassicurante nel suo senso di giustizia che va al di là delle apparenze, coglie l’intima verità delle cose, quella nascosta, con un geniale intuito che lo porta anche ad agire in modo non sempre formalmente corretto, ma sempre opportuno ed utile alla conoscenza della verità e necessario per la punizione dei veri colpevoli. Insomma è quello che scopre sempre il volto celato dietro la maschera.

 

Queste due parole, la maschera ed il volto, richiamano alla mia memoria una citazione da Luigi Pirandello usata da Andrea Camilleri nel corso di un incontro tenutosi a L’Aquila nel luglio 2010. “Di una cosa la lingua esprime la ragione, della medesima, il dialetto esprime il sentimento.”

Citò a sostegno delle profonda verità umana di questa affermazione un discorsetto che gli fece la madre quando era giovane, un rimprovero ed una minaccia perché aveva incominciato a rientrare tardi la sera. Il discorsetto fu in parte in lingua italiana ed in parte in dialetto. Per dimostrare le profonda verità umana di questo aspetto dell’uso del dialetto, Andrea Camilleri aggiunse che una volta, dopo aver raccontato questo episodio ad un vasto pubblico, una giovane donna cinese gli raccontò che le era successa la stessa cosa con sua madre.

Andrea Camilleri riportò questa idea narrando della propria esperienza di narratore, ed affermò che la sua vena narrativa si mise in moto quando scoprì che poteva esprimersi in dialetto.

Dunque la verità, il volto, dietro la maschera è espresso in dialetto, nella ricca produzione narrativa di Andrea Camilleri, il più popolare ed amato fenomeno letterario italiano dei tempi recenti. Il suo dialetto esprime il sentimento delle cose più immediate del nostro vivere quotidiano, oggi con una popolare espressione carica di significati spesso sgradevoli, si direbbe identità etnica.

Ma come spiegarsi il vastissimo successo all'estero di queste storie, la popolarità di personaggi indimenticabili ed amatissimi amici di tante serate, una volta che la narrazione sia stata privata del colore locale, cioè della carica di sentimenti espressi solo dall’uso del dialetto?

Riporto un passo dal brano iniziale de L’ODORE DELLA NOTTE, tradotto in inglese. I significati ci sono tutti, espressi in inglese ottimo, ma certamente privo del colore locale del dialetto, il veicolo dei sentimenti.

 

La persiana della finestra spalancata sbattì tanto forte contro il muro che parse una pistolettata e Montalbano, che in quel priciso momento si stava sognando d’esseri impegnato in un conflitto a fuoco, s’arrisbigliò di colpo sudatizzo e, ‘nzemmula, agghiazzato dal friddo. Si susì santiando e corse a chiudere. … Evidentemente l’estate, che già da qualche giorno era trasuta in agonia, aveva addeciso durante la nottata di rendersi definitivamente defunta per lasciare il posto alla stagione che veniva appresso e che avrebbe dovuto essere l’autunno."

"The shutter outside the wide-open window slammed so hard against the wall that it sounded like a gunshot. Montalbano, who at the moment was dreaming he was in a shoot-out, suddenly woke up, sweaty and at the same time freezing cold. He got up, cursing, and ran to close everything. …Apparently the summer, which several days earlier had already entered its final throes, had decided during the night to give up the ghost and make way for the season to come, which would have been autumn."

In breve, il vastissimo successo all’estero, quello ottenuto solo con le trame ed i personaggi e non attraverso quella speciale qualità della lingua che veicola i sentimenti, indica che il personaggio e le storie hanno fascino e presa sul pubblico anche al di là del mezzo espressivo iniziale. E’ un segno che dà la misura della grandezza dell’autore, Andrea Camilleri. E’ un genio, di quelli di cui tutti dobbiamo andare fieri ed orgogliosi. La sua arte è popolare, di tutti, supera dunque le tradizioni di cultura italiana elitaria, di pochi, e si avvicina alla particolare qualità dei geni della narrativa anglosassone, del tipo Jane Austin e Charles Dickens, per cui l’arte non è privilegio di pochi, ma un patrimonio di tutti che contribuisce ad esprimere e rendere note al mondo le caratteristiche psicologiche e culturali di un popolo nella sua terra d’origine.

 

chiacchiere da ape

Top News