Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Campli. Militare abruzzese morto nel Lager di Dachau

Alberto Cicconetti un militare abruzzese morto nel Lager di Dachau. Era nato a Campli, in provincia di Teramo, nel 1915. Geremia Mancini – presidente onorario “Ambasciatori della fame” ricorda la sua storia

 

Alberto Cicconetti nacque a Campli in frazione Campovalano, il 14 marzo del 1915, da Pancrazio e Marianna Maradonna. Nel 1937 era Ufficiale di complemento della scuola 94° Fanteria con destinazione 26° Fanteria. Entrò successivamente nella Guardia alla frontiera (G.a.F.) corpo militare del Regio Esercito istituito il 28 aprile del 1937 . La Guardia alla Frontiera durante la seconda guerra mondiale ebbe il compito di difendere le frontiere dell'Italia. Il 5 febbraio del 1938 Alberto Cicconetti fu aggregato al Corpo d’Armata Trieste per “incarichi speciali”.

Nel 1942 fu promosso Capitano (con anzianità 13 gennaio 1942-XX) e assegnato alle unità di prima linea per il XXVII “Settore Copertura” ( ai tempi della Guardia alla frontiera (G.a.F.), la suddivisione degli sbarramenti appartenenti al Vallo Alpino del Littorio). Fu poi inviato a Fiume a difesa delle posizioni di Borgo Marina e del Monte Calvario. Successivamente all’8 settembre 1943 venne fatto prigioniero dai tedeschi. Non aderì alla R.S.I. e conseguentemente venne trasportato come prigioniero in Germania. Divenne così uno dei tanti Internati Militari Italiani (I.M.I.) definizione attribuita dalle autorità tedesche ai soldati italiani catturati, rastrellati e deportati nei territori della Germania nei giorni immediatamente successivi alla proclamazione dell’armistizio dell’Italia. Tradotto in vari campi di concentramento finì, il 23 marzo del 1944, nel campo di concentramento di Dachau. In questo tristemente famoso “Lager” Alberto Cicconetti trovò la morte il 18 febbraio del 1945.

Solo due mesi dopo, esattamente il 29 aprile del 1945, i soldati americani entrarono a Dachau liberandolo. Il nome di Alberto Cicconetti è riportato su “Istrian and Regional Prisoners of Dachau Concentration Camp”.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…