Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Brexit, nel 2021 l'uscita sarà definitiva

I 27 ministri dell'Ue, riuniti nel Consiglio Affari generali, hanno dato il via libera - in due minuti - al mandato a negoziare la fase di transizione con la Gran Bretagna.

 

Il periodo di transizione prenderà il via dopo la mezzanotte del 29 marzo 2019 e si concluderà il 31 dicembre 2020. Lo rende noto su Twitter uno dei principali collaboratori del capo negoziatore Ue Michel Barnier. Le condizioni dell'accordo di transizione con l'Ue per il primo biennio post Brexit sono "ovviamente da negoziare" ed è naturale che "vi siano alcune differenze" sulle piattaforme di partenza fra Londra e Bruxelles. A riferirlo è un portavoce di Downing Street.

I ministri degli Affari europei dell'Unione Europea a 27 hanno adottato le linee guida per i negoziati con il Regno Unito sul periodo transitorio dopo la Brexit.

Il periodo transitorio durerà fino al 21 dicembre del 2020. Secondo l'Ue a 27, il Regno Unito dovrà rispettare tutte le regole attuali, senza poter partecipare al processo decisionale, il Regno Unito resterà di fatto dentro l'Ue per quasi due anni dopo la Brexit, senza essere più presente nelle sue istituzioni ma dovendone rispettare tutte le regole, comprese quelle che verranno modificate dopo l'uscita.

Nella parte specifica sul periodo transitorio, il documento ribadisce che "un paese che non è membro dell'Unione e non rispetta i medesimi obblighi di un membro non può avere gli stessi diritti e godere degli stessi vantaggi".

La Corte di giustizia dell'Ue continuerà a esercitare la propria giurisdizione sul Regno Unito durante tutto il periodo transitorio. 

 

Ultima modifica il Lunedì, 29 Gennaio 2018 16:57
Etichettato sotto
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…