Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


"Terùn", distintivo d'onore in California. Il successo di 3 amici del Sud

L'intervista/italiani all'estero

di Domenico Logozzo già Caporedattore del TGR Rai

Tre emigrati del profondo Sud con la buona cucina realizzano il sogno americano

 

 

Dal profondo Sud dell’Italia a Palo Alto in California, con l’orgoglio delle radici. Emigranti di successo. Il coraggio delle sfide. Con la voglia di fare bene. E di riuscire. Protagonisti due fratelli di Scalea (Cosenza) e un amico di Ginosa Marina (Taranto). Si sono messi insieme ed hanno aperto un ristorante nella Silicon Valley. Affari d’oro. Un successo che ha richiamato l’attenzione della grande stampa, dal New York Times a Repubblica. “Il nostro obiettivo era quello di creare un luogo che sarebbe stato la nostra casa lontano da casa, dove i nostri amici sarebbero venuti per il cibo semplice, la buona compagnia e per divertirsi”. Uno dei tre proprietari, Franco Campilongo, 36 anni, laurea in economia e gestione dei servizi turistici, ha così spiegato al giornalista americano qual è l’ingrediente  fondamentale della ricetta vincente. Sentirsi a casa. E così è anche per il nome del ristorant:Terùn. Ha scritto il New York Times: “In piemontese terùn è un termine dispregiativo per i meridionali italiani” ma ha sottolineato che gli  intraprendenti imprenditori venuti dalla parte estrema dello stivale “lo indossano come distintivo d’onore”. E Maico Campilongo, 41 anni, studi di ingegneria elettronica e di economia e commercio interrotti per scegliere altre vie (musica, pianobar e politica), ci conferma: “Sì, è proprio così. Noi abbiamo deciso di dare un significato positivo a questo termine, che per anni ha visto i nostri genitori e i nostri nonni paragonati ad una razza inferiore. Usato dai piemontesi o comunque dalla gente del nord, ci faceva male, ci condizionava, tanto che da piccolo cercavo di cambiare il mio accento perché ritenevo che quello meridionale non fosse una cosa positiva”.

La scelta di andare via. “ Tutti e tre -dice Maico Campilongo- siamo arrivati alla conclusione che fosse il caso di provare, seguendo il sogno americano, fiduciosi delle nostre capacità”. L’amara constatazione: “E siamo anche tutti e tre d'accordo sul fatto che la nostra bella Italia, il nostro bel paese, sia un luogo per dinosauri dove il nepotismo la fa da padrone e dove la terribile piaga della corruzione impedisce di andare avanti a chi onestamente fa il proprio lavoro ”. Felici per questa esperienza californiana. “Nella Silicon Valley scopri che essere italiani è motivo di orgoglio e fare cucina italiana dà immense soddisfazioni, perché quando vendi il tuo prodotto vendi anche la tua storia”. La storia appunto. La loro la raccontano così: “Diciamo che ci sono almeno tre storie. Quella di Franco è di aver scoperto un luogo bello del mondo dove poter cominciare una nuova vita e avere la possibilità economica di viaggiare e di fare cose che in Italia non sono possibili. Kristyan D'Angelo, lo chef, invece segue un sogno americano che ha maturato nei suoi viaggi e decide di venire a fare la migliore pizza della California. Maico, infine, ha una visione più politica della sua scelta, nonostante un lavoro a tempo indeterminato in una grossa società del Trentino. Pessimista sulle  prospettive in Italia. Anche dal punto di vista economico: non si vedeva per il futuro uno stipendio superiore a 1300  euro al mese”.

Federico Rampini si è occupato dei tre amici e dei loro successi con la buona cucina. Su Repubblica ha scritto: “Da emigrato, nostalgico della cucina italiana, ho rispetto e ammirazione per chi porta qui in America le nostre migliori tradizioni gastronomiche. Eppure c’è probabilmente uno spreco d’investimenti nell’istruzione, se una facoltà di ingegneria sforna degli esperti di software che vanno a fare la pizza in California”. Rileva: “Buon per loro che si divertono nella nuova impresa, e tanto meglio per noi americani che ci guadagniamo un’offerta sempre più ricca e variegata nella ristorazione italiana di qualità. Ma le vicende di questi ragazzi dovrebbero interpellare chi governa l’Italia, costringere la classe dirigente a farsi un esame di coscienza. Dovrebbero esserci fior di indagini promosse dal governo Renzi e dal Parlamento italiano, andando ad ascoltare migliaia di giovani immigrati qui in America, per scandagliare le loro storie personali, capire le loro motivazioni, fare un inventario di tutti gli ingredienti del modello americano che li attirano qui”. E Maico Campilongo commenta: “Quello che sostiene Rampini è  vero. Esiste, sì, uno spreco di investimenti nell'istruzione”. E poi aggiunge: “E’ palese che gli stipendi in Italia sono molto inferiori a quelli del resto dell'Europa, e soprattutto dell'America. Il regime fiscale in Italia non supporta troppo le aziende, il costo del personale è molto elevato, ma questo è un discorso lungo e andrebbe fatta un'analisi molto accurata”. Osserva che “la mancanza di un governo stabile non permette di creare delle leggi o rafforzare quelle esistenti per stimolare lo sviluppo economico. Gli ultimi tre Presidenti del Consiglio in Italia non sono stati espressi dal popolo, quindi una terribile mancanza di democrazia”.


In California quali sono stati inizialmente i più grossi problemi?

“Il primo scoglio da superare è stato sicuramente la buona conoscenza della lingua inglese. Indispensabile per trovare un lavoro che ti permette di fare una vita migliore. Sapersi organizzare e adattarsi a tutto. Anche se da cameriere non hai uno stipendio, con il sistema delle mance in California si possono tranquillamente guadagnare più di  5000  dollari al mese. Ovviamente bisogna lavorare duro. Se hai voglia di lavorare l’obiettivo è facilmente raggiungibile”. E ricorda che per la nascita di “Terùn” non è stato semplice “trovare i soldi per poter  procedere con l'investimento, ma tutto è stato risolto grazie alla conoscenza e al supporto ricevuto da amici che fidandosi ciecamente di noi hanno contribuito alla realizzazione del nostro progetto”.

Fiducia ben riposta, compiti ben definiti, in base alle competenze maturate. Kristyan D'Angelo in cucina, Franco Campilongo  per il settore  finanziario e Maico Campilongo customer service commerciale, di fatto la persona che sta di più in mezzo ai tavoli, per dirla in breve, l'oste. Organizzazione ottimale. I risultati non si sono fatti attendere. Il ristorante Terùn è uno dei più frequentati di Palo Alto. Gli italiani d’America presi per la gola,  con "la particolare passione per la pizza chef D'Angelo". Scrive Rampini: “Si mangia una pizza fantastica, mozzarella di bufala e burrata, melanzane alla parmigiana, e tante altre specialità meridionali”. Ed annota: “Incontri lì la “young crowd”, la folla giovane dove pullulano talenti creativi”. La creatività e la voglia di crescere. Maico Campilongo ai giovani consiglia “dopo aver finito la scuola di continuare a studiare” e citando Steve Jobs li invita “ad essere sempre affamati di sapere e vogliosi di imparare, perché qualsiasi esperienza una persona abbia fatto nella propria vita tornerà sicuramente utile in qualsiasi lavoro si cimenterà. Se sei un ingegnere e ti troverai a lavare i piatti, laverai i piatti con le conoscenze di un ingegnere e sicuramente ottimizzerai meglio quello che stai facendo. Impegno costante per maturare esperienza. Un cuoco diventa bravo quando passa molto tempo dietro i fornelli”. E raccomanda di “essere umili, pronti ad imparare e viaggiare, perché solo viaggiando possiamo capire le differenze”.

Avete mantenuto i legami con i luoghi di origine?

“Certo, torniamo almeno una volta all'anno e avendo le nostre famiglie in Italia il legame è molto forte. In ogni viaggio in Italia ci ricorda quanto bella è la nostra patria. E quando torniamo  al nostro lavoro. In California, i nostri occhi brillano di orgoglio italiano. Orgoglio italiano che viene trasferito ai nostri clienti.

Top News

Menu principale

Statistiche

Visite agli articoli
31592568

Video Intervista

Intervista a Giampaolo Giuliani
Seconda parte intervista Giuliani