Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  

Montesilvano: Lion Club contro le barriere architettoniche

Ufficio stampa Montesilvano

Lion Club e Itis Alessandrini promotori di un progetto contro le barriere architettoniche su corso Umberto 

 

  Montesilvano - Una delegazione del Club di Montesilvano Lion diretti dal presidente Dino Palucci, con il preside Gianni Pagannone e il prof. Paolo Petrucci, docente dell’Itis Alessandrini di Montesilvano hanno consegnato al sindaco Pasquale Cordoma una relazione dopo aver effettuato uno studio, svolto da alcuni studenti, riguardante l’abbattimento delle barriere architettoniche in città, in particolare su corso Umberto.

 

 Il service denominato “Barriere architettoniche? No grazie” promosso dal Club Lion di Montesilvano rinviato operativamente all’anno sociale in corso per problematiche legate al terremoto nell’aquilano, ha avuto avvio nel mese di ottobre del corrente anno scolastico e si è concluso lo scorso febbraio.

 

 

La proposta di possibili soluzioni di intervento per l’abbattimento delle barriere architettoniche, riguardanti il principale asse viario di Montesilvano oggetto, ad aprile, di un intervento di manutenzione, è stata elaborata dagli studenti dell’Istituto Tecnico “Alessandrini” di Montesilvano, coordinati dal loro insegnante Prof. Ing. Paolo Petrucci.

I partecipanti al progetto hanno avuto una indicazione precisa: “realizzare un progetto per la promozione di una cultura di sensibilizzazione e riflessione sul tema delle barriere architettoniche, non solo intese come barriere fisiche, ma anche culturali, affrontando il problema del loro superamento con un approccio propositivo, volto a favorire il principio della Progettazione Accessibile”.

Il lavoro è  stato sviluppato con il coinvolgimento di quattro classi del secondo e terzo anno di corso e con la partecipazione attiva di un gruppo di 13 studenti, ai quali va un sicuro apprezzamento per la sensibilità sociale dimostrata nel prestare volontariamente la propria opera nell’interesse della Comunità locale.

Il progetto di solidarietà, attuato in gruppo e con impegno anche extra-curriculare, ha contribuito ad educare e responsabilizzare i giovani, a coinvolgerli in un ruolo di “cittadinanza attiva”, consentendo loro di esprimere “sul campo” le proprie potenzialità operative. Si è così arrivati  a formulare un progetto propriamente esecutivo da  sottoporre all’attenzione del Comune, affinché  ne valuti una prospettiva di attuazione nell’interesse delle persone diversamente abili.

A seguire è  stato già  programmato un forum sul tema del progetto presso l’Istituto Tecnico “Alessandrini” con invito alla partecipazione rivolto alle Autorità Scolastiche, ai Rappresentanti dell’Amministrazione Comunale e dell’Ufficio Disabili, agli studenti e loro familiari per un utile confronto sulla valenza di una proposta  da rendere esecutiva  grazie alla collaborazione di una rete di soggetti quali comune, associazione di servizio, cittadini e scuole che insieme si sono attivati per  sviluppare una sensibilità diffusa sui temi della disabilità, della mobilità e accessibilità e per migliorare il ben-essere e lo star-bene di tutti.

Nonostante gli stretti tempi a disposizione a disposizione, a causa della forte esigenza di dare una risposta immediata e concreta al prossimo avvio dei lavori programmati dal Comune sulla strada oggetto di intervento manutentivo, il progetto elaborato dagli studenti ha una qualità eccellente, avendo dimostrato una modalità sinergica di affrontare il tema delle barriere architettoniche e di sviluppare esperienze e riflessioni utili per le future progettazioni. 
 

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…