Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Cinghiali, ucciderli influisce sulla feritlità. Studio dei cacciatori grida alla "bufala"

Cinghiali, il WWf ha dichiarato che uno studio europeo dimostra quello che altre associazioni sostengono da sempre. Uccidendo adulti si innescano risposte compensative nella fertilità e cresce la dispersione. Per il magazine dei cacciatori bighunter.it. sarebbe "una bufala".

Si legge in un editoriale, "abbiamo chiesto chiarimenti a uno dei titolari della ricerca a cui facevano riferimento i soliti propagatori di fakenews anticaccia. La risposta? L'aumento della pressione venatoria porta a una diminuzione del tasso di crescita della popolazione. E non il contrario. Ecco quanto ci ha dichiarato il Prof. András Náhlik, dell' Istituto di gestione della fauna selvatica e zoologia dei vertebrati dell'Università di Sopron (Ungheria)." "Una serie di fattori che influenzano la crescita e la densità delle popolazioni era già stata dimostrata. Sono state trovate collegamenti tra le abbondanze relative di cinghiali e lupi. Pertanto, la predazione potrebbe essere un fattore importante per le popolazioni di cinghiali, ma può accadere solo nei casi con basse densità e/o in regioni con habitat subottimali per cinghiali con basso reclutamento delle specie. Predazione, mortalità naturale e mortalità su strada di solito hanno un basso impatto sulle popolazioni di cinghiali. Per esempio. in Polonia e in Spagna, la predazione del lupo causava solo una piccola diminuzione della popolazione di cinghiali." Prosegue "Mentre la predazione non è generalmente considerata un fattore limitante della densità della popolazione di cinghiali, la crudezza dell'inverno induce una densità di mortalità indipendente sulle popolazioni di cinghiali alle alte latitudini. Si è scoperto che la temperatura media annuale ha un effetto positivo sulla densità delle popolazioni di cinghiali a livello locale. Di conseguenza, è logico concludere che i cambiamenti climatici che portano a inverni più miti si tradurranno in una più rapida crescita della popolazione di cinghiali. I cambiamenti climatici guidano la crescita della popolazione dei cinghiali direttamente alleviando l'effetto negativo degli inverni freddi sulla sopravvivenza e la riproduzione, e indirettamente aumentando la disponibilità di cibo."

Secondo questo altro studio "Sono stati verificati una serie di altri fattori che influenzano la crescita della popolazione e/o la densità delle popolazioni di cinghiali come la riforestazione, l'alterazione dell'habitat dovuta alle attività umane, l'alimentazione supplementare, la messa a dimora di quercete e il faggete. Quest'ultima ha solo un effetto temporaneo. Gli aumenti molto pronunciati dei numeri di cinghiali sono stati osservati un anno dopo la messa a dimora di questo tipo di piante; tali aumenti furono seguiti da declini sostanziali l' anno dopo." Continua "Tutti gli altri fattori elencati erano presenti in tutti i paesi europei; inoltre, poiché sembra che tutti questi fattori influenzino l'aumento di cinghiali - con l'eccezione della riforestazione - il risultato conseguente dovrebbe essere un aumento dei tassi di crescita della popolazione europea. Tuttavia, come mostrato da Massei et al. (2015), non c'è stato alcun cambiamento né nel tasso di crescita annuale né nel tasso di crescita a cinque anni negli ultimi decenni. Si può concludere che sebbene molti dei fattori sopra elencati possano accelerare la crescita della popolazione, il loro effetto non può essere decisivo perché i prelievi di caccia sono il principale fattore di controllo della specie. Il crescente squilibrio e l'aumento del divario tra il numero di cacciatori e il numero di cinghiali abbattuti - un fatto dimostrato da Massei et al. (2015) - ha provocato un riduzione dei carnieri; questo fatto suggerisce che l'esplosione del numero della popolazione sarebbe avvenuta - prima o poi - anche in assenza dei fattori che favorivano l'aumento della popolazione. È abbastanza evidente che la caccia ricreativa in sé è, attualmente, insufficiente a limitare la crescita della popolazione di cinghiali in Europa."

"Sappiamo che la popolazione è in grado di adattarsi a determinate praticghe di caccia. Le possibilità di sopravvivenza notevolmente ridotte creano una pressione selettiva che favorisce gruppi di età più giovani e una massa corporea di soglia ridotta alla primiparità. Tuttavia, che un aumento della pressione venatoria dovrebbe portare a una diminuzione del tasso di crescita della popolazione è ovvio. Due condizioni principali devono essere soddisfatte quando si gestiscono le popolazioni. In primo luogo, è necessario raggiungere la densità ottimale della popolazione. In un ambiente modificato dall'uomo, questo può essere raggiunto solo con la caccia. In secondo luogo, questo dovrebbe essere fatto mantenendo una struttura demografica vicina alle popolazioni che non sono cacciate."

"La sopravvivenza femminile giovanile è uno dei più importanti se non il decisivo fattore influente che aumenta il tasso di crescita della popolazione della specie. Di conseguenza, molte indagini hanno dimostrato che il modo più efficace per ridurre la densità è aumentare la caccia ai cinghialotti e alle femmine riproduttive. Gli specialisti sostengono spesso un tasso di caccia all'80% per i giovani e un aumento del tasso di prelievo per le femmine adulte. In buone condizioni di habitat con una ricca produzione forestale la caccia preferenziale degli adulti di per sé sarebbe un metodo inefficace per fermare la crescita della popolazione, mentre è auspicabile una caccia intensiva dei giovani. L'unico caso in cui la riduzione della sopravvivenza degli adulti è efficace è quando l'habita è in cattive condizioni, quando l'obiettivo è quello di ridurre o addirittura di rimuovere la popolazione da un'area specifica."

Ultima modifica il Giovedì, 03 Gennaio 2019 19:52
Etichettato sotto
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…