Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Il gattolico praticante, oltre 100 motivi per prendere un gatto

Il gatto non si droga, non abbaia, non è vegetariano, non commenta la moviola, non scrive libri.

 

Tanti motivi per ospitare un gatto a casa e Alberto Mattioli li elenca tutti nel suo 'Il gattolico praticante. Esercizi di devozione felina', un volume edito da Garzanti che fra il divertito e il divertente spiega la passione dell'autore, giornalista della Stampa, per i felini.

Il gatto è pulito, aiuta la riflessione e piace alla gente che piace. A dimostrazione, l'autore - che è esperto anche di opera, e infatti ha chiamato le sue amate gatte Violetta e Isolde - racconta la passione per i gatti di Richelieu, che annoverava fra i suoi mici Soumise o le alterne vicende di Micetto, gatto di Papa di Leone XII ereditato da Chateaubriand. Senza contare i gatti moderni come Larry che vive al 10 di Downing street e ha un profilo Twitter con 189 mila follower, fino agli idoli della rete. D'altronde, nell'introduzione è lo stesso autore a spiegare che il suo non è un libro sul gatto ma su chi lo ama, un volume quindi sul "gattolico praticante". Il micio ha giocato un ruolo importante nella storia dell'arte fin dai tempi degli egizi, ed è raffigurato in una serie di importanti capolavori di tutte le epoche: gioca con una giara ricolma di vino nelle Nozze di Cana di Paolo Veronese, è il protagonista di Katz und Vogel (ovvero Gatto e uccello) di Paul Klee, a lui hanno dedicato scritti Baudelaire e Apollinaire, musiche Offenbach e Stravinskij e se ne sono occupati anche il premio Nobel per la letteratura T.S. Eliot e poi Andrew Lloyd Webber, ai quali si deve il musical 'Cats'. Ma ora il gatto, anzi il gattino, ha trovato un nuovo palcoscenico: è infatti anche il re assoluto dei click in rete, un fenomeno su cui si sono interrogati diversi esperti. Ma anche sui social, spiega Mattioli, si conferma la superiorità felina rispetto a quella umana perché sono rimasti loro stessi e non hanno perso il controllo. Nelle 'Dieci ragioni per cancellare subito i tuoi account' Jaron Lanier, ricorda Mattioli, osserva che "non c'è motivo di temere che un oscuro meme, frutto di algoritmi e finanziato da un perfido oligarca che trama nell'ombra abbia preso il controllo del tuo gatto. Nessuno ha preso il controllo del tuo gatto. Né tu né nessun altro". Ansa

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…