Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Poesia

POESIA

 

«Sinapsi esigenti

In contemplazioni inquiete

Mi vedo genuflesso

In miriade di contraddizioni ancestrali»


Claudio Spinosa in effetti ha qualcosa di ancestrale che riesce a toccare corde molto profonde del nostro mondo personale. Particolare e sciamanico, come l’aura della cittadina abruzzese in cui è nato 38 anni fa, Sulmona (patria del grande poeta latino Ovidio), quest’autore ci regala versi netti, suggestivi che colpiscono d’impatto il lettore

"Spesso, per divertirsi, le ciurme
Catturano degli albatri, grandi uccelli marini,

che seguono, compagni di viaggio pigri,

il veliero che scivola sugli amari abissi.

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni
giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non
rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Top News

Menu principale

Statistiche

Visite agli articoli
31658834