Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


PESCARA CALCIO PLAYOFF, SI COMINCIA

Sport/

Domani inizieranno i playoff e il Pescara sarà di scena al Curi di Perugia, inizio ore 18:30. Il regolamento obbliga i Biancazzurri a vincere per passare il turno, sono previsti i tempi supplementari ma non i rigori, dunque saranno 120 i minuti a disposizione per battere gli umbri. Mister Oddo ha dichiarato in conferenza che cercherà di cambiare il meno possibile la squadra che si è imposta con un netto tre a zero venerdì contro il Livorno, la formazione non è, però, ancora decisa. Per ammissione dell’allenatore, Zampano è disponibile, ma le sue condizioni devono essere valutate.

 

 

PESCARA CALCIO/FRANCESCO ZAMPANO, PLAY OFF "GIOCHEREMO PER VINCERE"

 

 

La sua presenza sarebbe fondamentale stante la squalifica di Rossi. Infatti, in caso di defezione del terzino ex Juve Stabia, il Pescara sarebbe costretto a schierare Abecasis, apparso in netta difficoltà a Varese sul piano tattico. A sua discolpa non è certo facile abituarsi al campionato italiano, soprattutto se l’impatto arriva alla penultima giornata e in una sfida decisiva. Un altro dubbio riguarda Salamon, che in allenamento ha accusato un fastidio muscolare. In alternativa giocherà Zuparic al fianco di Fornasier, con Pucino a completare la linea difensiva. Per il resto la squadra sarà quella ammirata venerdì sera: Memushaj e Torreira a centrocampo, Pasquato e Politano esterni e Bjarnason dietro Melchiorri. I Biancazzurri hanno dato vita ad una prestazione convincente, ma noi, incontentabili, qualcosa da dire la troviamo sempre. A nostro avviso, infatti, la squadra si è espressa meglio quando l’islandese è stato dirottato sulla fascia mancina, ruolo a lui più congeniale, passando ad un 4-4-2. Sarebbe una soluzione preferibile, ma sappiamo che il Mister ha altre idee. In ogni caso, se dovesse vincere, saremmo felici di avere torto. Qualche critica è arrivata anche all’indirizzo del giovane Torreira, reo, secondo alcuni, di essere troppo leggero e di non aver dato il giusto dinamismo in mediana. A spegnere la polemica sul nascere ci pensa Oddo, invitando tutti a rivedere la partita e a notare come il regista della Primavera abbia fermato cinque o sei ripartenze avversarie. Appare dunque scontata una riconferma, con buona pace di Brugman, elemento comunque troppo importante per essere dimenticato.

Il Perugia ha a disposizione due risultati su tre, l’atteggiamento tattico certamente risentirà di questo. Ci aspettiamo una squadra accorta e pronta a ripartire velocemente, mestiere adattissimo agli interpreti che ha in rosa. Scardinare una difesa schierata che accetta il pareggio non è affatto semplice, ma le doti offensive del Pescara sono ormai note. La partita giocata il nove di maggio allo stadio Adriatico ha messo in evidenza un certo imbarazzo dei difensori perugini nel tenere la fisicità di Melchiorri, non a caso Comotto è stato costretto al fallo da espulsione proprio contro l’attaccante marchigiano. La chiave della partita sarà cercare spazi in profondità, proprio per sfruttare la differenza atletica tra le due squadre.

Il pescarese Camplone, attuale allenatore del Perugia, ha parlato del Pescara come una squadra che sembra giocare frenata. La speranza è che Oddo sia riuscito a liberare i giocatori dal giogo che li opprimeva, potendo così contare su tutto il potenziale che i Biancazzurri possono esprimere.

Top News

Menu principale

Statistiche

Visite agli articoli
28934411