Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Pescara: “La bambina che sapeva volare”

Venerdì 12 ottobre alle 21 e domenica 14 ottobre alle 18 andrà in scena nel Piccolo Teatro Guascone lo spettacolo  scritto e diretto da Lenoardo Buttaroni con Manola Rotunno.

Un giorno, il terremoto fa tremare la tranquillità di una bambina, la sua città, la sua camera e, insieme al lampadario, comincia ad oscillare tutto il suo mondo. Per provare a tenerlo fermo, Aurora, smette di dormire, aspetta ogni notte che smetta di essere notte e comincia a scrivere per fermare quello che teme di dimenticare. Le fanno compagnia ricordi, parole che difende con tutta se stessa, liste di ogni genere, un Dio che continua a non rispondere alle sue domande, personaggi buffi che l’accompagnano anche quando diventa grande… senza essere mai davvero cresciuta. Il buio diviene suo complice, le insegna a vedere e a lottare, la salva dalle sue paure. Del resto l’Aurora si porta sempre dentro un po’ della notte che l’ha generata. Non importa quanti anni hai. Se non riesci a smettere di giocare, se vaghi nella notte con la torcia accesa alla scoperta del tuo mondo, se il tuo miglior amico è un fantasma che accende le luci e ti nasconde le cose, se hai una valigetta piena di nostalgie, se hai avuto un papà che era un supereroe… allora sei tu: la bambina che sapeva volare.

Sabato 13 ottobre alle 16:30 ed in replica alle 18:30 la compagnia de I Fiabivendoli metterà in scena nel Piccolo Teatro Guascone “La vera storia di Cappuccetto Rosso” dedicato a tutti i bambini dai 3 ai 99 anni, con Manola Rotunno, Francesca Parlagreco, Claudio Caporizzo e Andrea Maria Costanzo. Il “Narratore dei Narratori” viene detronizzato da un nuovo Narratore inesperto che si lascerà pian piano sopraffare dei personaggi della favola e dalle loro richieste. In primis la mamma che rivendica la propria importanza, mai abbastanza riconosciuta, e che magicamente farà entrare nel piccolo cestino ogni ben di Dio per la povera nonna malata. Poi c’è Cappuccetto Rosso, troppo chiacchierona e canterina che, intenta nella ricerca del suo Principe Azzurro, si scontra con il cattivo… che no, non è il Lupo, ma il nuovo Narratore. Il Lupo, in preda a crisi di identità a proposito della sua cattiveria, riuscirà a mangiare Cappuccetto Rosso e la frizzante nonna ballerina diventata nel frattempo sua alleata e compagna di sventura? Il “Narratore dei Narratori” riuscirà a riprendere lo scettro e a ristabilire un po’ di ordine? L'arrivo di Cetteo, il cacciatore, riuscirà a riportare ordine in questa favola? Mah! In bocca al lupo!

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…