Stampa questa pagina
Lunedì, 12 Aprile 2021 19:13

Città San'Angelo, turismo con Welcome card. "Sacrifici economici alle attività commerciali"

Scritto da redenz

Pd e SI: "ennesima vetrina pubblicitaria che non porta benefici a nessuno"

"L’amministrazione comunale di città Sant’Angelo ha lanciato una proposta per far ripartire il turismo, la cosiddetta welcome card. A prescindere dalla bontà o meno dell’iniziativa, rimaniamo molto perplessi dal modus operandi utilizzato dall’assessore al turismo, in quanto in questa proposta si chiedono sacrifici economici alle attività commerciali, le stesse attività che in questo periodo stanno soffrendo maggiormente in quanto sono mesi che non lavorano. Come minimo bisognava condividere a monte questa proposta con gli operatori economici interessati e decidere insieme le misure da poter mettere in campo e non chiedere successivamente di aderire attraverso una manifestazione di interessi, con le regole del gioco già stabilite. "

Così Alice Fabbiani – Ex assessore al commercio e al turismo Città Sant’Angelo – Componente del direttivo Sez “F. Fabbiani” Sinistra italiana Città Sant’Angelo – Lisa Vadini – Segretaria Sez. Pd Città Sant’Angelo.

"Tutti vorrebbero una ripartenza turistica, tutti sono pronti ad accogliere nel miglior modo possibile turisti e non, ma purtroppo tanti non possono permettersi ulteriori sacrifici. Già riuscire a riaprire dopo tutto questo tempo non sarà una cosa semplice. Piuttosto si poteva pensare di coprire differentemente questo beneficio da rivolgere ai turisti. L’amministrazione comunale poteva trovare capienza economica nella voce di bilancio relativa per poter rilanciare il turismo. Ci saranno state sicuramente economie derivante dalla chiusura a causa corona virus ad esempio dell’info Point (il cui appalto prevedeva apertura per un intero anno). O si poteva pensare ad una relativa scontistica sui tributi da effettuare agli operatori stessi. Doveva quindi essere una proposta concertata tra assessorato al turismo, assessorato al commercio, assessorato ai tributi e gli operatori economici del settore. Così purtroppo si è rivelata un’ennesima vetrina pubblicitaria che non porta benefici a nessuno, o perlomeno sicuramente non li porta ai commercianti, al turismo e alla nostra Città Sant’Angelo".

Articoli correlati (da tag)