Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 06 Maggio 2020 19:21

Castiglione Messer Raimondo, esenzioni Tari

Scritto da redenz
Il giovane sindaco Vincenzo D'Ercole Il giovane sindaco Vincenzo D'Ercole

Sindaco D?Ercole: "Un'iniziativa di questo tipo significa dare forza e speranza affinché le attività ripartano".

6 maggio. "Abbiamo deciso di esentare le attività economiche e produttive dal pagamento della Tari e abbiamo messo a punto un apposito piano". Lo annuncia Vincenzo D'Ercole, sindaco di Castiglione Messer Raimondo, paese più colpito dall'emergenza coronavirus in Abruzzo. Con oltre 80 casi e 14 decessi, il comune era uno di quelli inseriti nella zona rossa istituita dalla Regione per quasi 40 giorni.

"Nelle scorse settimane - sottolinea il primo cittadino - abbiamo chiesto alle istituzioni sovracomunali uno sforzo e un aiuto per il nostro territorio, le nostre aziende e attività che stanno subendo in maniera ancora più dura le restrizioni dovute all'emergenza coronavirus. Oltre a chiedere aiuto e a far sentire il nostro grido di allarme, ci siamo messi a lavoro con tutte le forze e abbiamo voluto dare una mano concreta e reale alle attività del nostro comune".

"Nonostante le ristrettezze di bilancio che affrontano tutti gli enti locali - prosegue il sindaco - siamo riusciti a pianificare una manovra di diverse migliaia di euro, che vedrà la luce nelle prossime settimane, per finanziare la minore entrata derivante dall'esenzione Tari che sarà concessa a quelle attività costrette alla chiusura dai vari Dpcm a causa dell'emergenza Covid-19".

"Un'iniziativa di questo tipo significa dare forza e speranza affinché le attività ripartano. Dimostrazione della vicinanza concreta del Comune e dell'amministrazione rispetto alle esigenze reali del nostro tessuto produttivo che sta soffrendo di più e che nel futuro dovrà combattere duramente per garantire occupazione nelle nostre zone. Nel nostro piccolo - conclude D'Ercole - stiamo facendo il possibile per fare la nostra parte. Aspettiamo che la Regione e il Governo facciano la loro".