Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Giovedì, 03 Febbraio 2022 19:43

Giuramento del Presidente Mattarella: 53 applausi, 19 standing ovation, una ovazione finale di 5 minuti.

Scritto da A.C.
Presidente Mattarella Presidente Mattarella cartoon di Marco D'Agostino

53 applausi, 19 standing ovation, ovazione finale: sul ruolo del Parlamento la reazione più 'calda', poi Sassoli, Vitti e la giustizia - Salvini Assente. Auguri Presidente dal settore dell'Energia FederPetroli Italia 

Draghi presenta le dimissioni, Mattarella le rifiuta. E' prassi. 

53 applausi, 19 standing ovation, una ovazione finale di 4-5 minuti.

Se ci fossero ancora dubbi sul fatto che il Mattarella bis sia nato tra i 1.009 grandi elettori, ascoltando i circa 40 minuti di discorso post giuramento del capo dello Stato e le reazioni che ha suscitato in Parlamento ogni incertezza dovrebbe essere svanita. Sin dall'ingresso in aula del presidente della Repubblica tutto l'emiciclo è scattato in piedi, tutti i gruppi parlamentari. Compreso quello di Fratelli d'Italia.

Un tributo bipartisan a spontaneo, di stampo anche emotivo per gli omaggi di Mattarella a Monica Vitti, a David Sassoli o ai medici in prima linea contro il Covid. Un'enfasi che è sembrata prendere una piega diversa, di rivalsa e orgoglio, in alcuni passaggi più 'politici' del discorso del capo dello Stato. I grandi elettori sono scattati in piedi la prima volta sulle parole sul Covid: Mattarella ha ringraziato medici, sanitari, sindaci e Forze dell'ordine. Poco dopo l'applauso dei 1.009 grandi elettori, in standing ovation, ha preso ancora più vigore sulle parole decise pronunciate dal presidente sulla giustizia, nei confronti della magistratura, sulla necessità delle riforme. "Magistrati e avvocati si impegnino per ridare prestigio e credibilità a giustizia", il passaggio che ha scaldato tutto l'emiciclo, da destra a sinistra. Qualche minuto seduti e poi un nuovo scatto sugli scranni da parte dei 1009.

Mattarella ha rivendicato il ruolo centrale del Parlamento, invocando tra l'altro "tempi adeguati per l'esame provvedimenti governo". Caldissimo l'applauso partito dai banchi nei confronti del presidente. Su Monica Vitti, ricordata dal capo dello Stato, altro battimani sincero. Lo stesso un po' più avanti per sottolineare le parole di Mattarella nei confronti di David Sassoli: "Nell'animo nei nostri concittadini".

E con la stessa forza i grandi elettori hanno sottolineato il ricordo di Lorenzo Parelli, lo studente-tirocinante morto nel suo ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro. "'Dal popolo italiano riconoscenza a Papa Francesco", ha fatto scattare un nuovo, lungo, applauso in piedi. Le altre standing ovation i grandi elettori le hanno riservate ai passaggi del discorso sul dramma delle morti sul lavoro, a quello della violenza sulle donne, sul razzismo e l'antisemitismo, sui disabili, sulla lotta alla mafia. Al termine del suo discorso, per il capo dello Stato è poi scattata una vera e proprio ovazione. Per 4-5 minuti tutto l'emiciclo ha salutato il bis del presidente. Un applauso dal significato forte e dal sapore diverso, hanno sottolineato diversi grandi elettori, rispetto a quello rivolto nel 2013 a Giorgio Napolitano. Allora il presidente aveva sferzato con decisione la classe politica, con parole nette e anche dure, richiamandola a tutte le sue responsabilità per lo stallo che si era creato e che aveva portato al suo bis.

Salvini assente, positivo

Matteo Salvini è risultato positivo al Covid, per questo era assente al giuramento di Sergio Mattarella da presidente della Repubblica. Salvini è stato sottoposto a tampone prima di entrare alla Camera. A quanto si apprende sono due in totale i senatori risultati positivi, tra cui il leader della Lega. "Amici sono in buona compagnia: ai 10 milioni di Italiani positivi e poi guariti, da oggi mi aggiungo io! - ha scritto Salvini sui social - Giornata di lavoro come tante altre, tampone di controllo come tanti altri, nessun sintomo di nessun genere, ma risultato positivo. Proprio nel giorno del panettone di San Biagio". Ed ha aggiunto: "A casa al volo qui a Roma, armato di computer, telefono e pazienza". Poi, dopo il discorso del presidente della Repubblica: “Applausi convinti e condivisibili da parte di tutto il Parlamento al bellissimo discorso del rieletto presidente Mattarella. Anche io, seppur bloccato in casa, ho applaudito convinto, il discorso in generale ed alcuni passaggi (come quelli sulla necessità di una profonda riforma della giustizia) in particolare. Bene, visto che per giorni politici e giornalisti mi hanno criticato e attaccato per il lavoro svolto nella settimana appena trascorsa, oggi posso dire di essere orgoglioso e felice di aver offerto il mio contributo, al pari di altri, per la riconferma del Presidente Mattarella”.

Salvini, riferiscono fonti della Lega, "ha espresso telefonicamente al Capo dello Stato i complimenti per lo splendido e convincente intervento", sottolineando "soddisfazione soprattutto per i passaggi sulla giustizia e per gli applausi di tutte le forze politiche".

Auguri Presidente dal settore dell'Energia FederPetroli Italia 

Esprime viva soddisfazione per la rielezione del Capo dello Stato Sergio Mattarella. “La volontà espressa dal Parlamento è da noi pienamente condivisa, nell’augurio che questo mandato possa realizzarsi all'insegna di quei valori di libertà e solidarietà rappresentati dalla Carta costituzionale” le parole e l’augurio del Presidente di FederPetroli Italia - Michele Marsiglia. Continua “Il Presidente Mattarella anche nella circostanza di questi ultimi anni in cui non solo l’Italia verte, è stato e sarà punto di riferimento di tutti i cittadini e dell’intero indotto produttivo italiano fuori da ogni vicinanza a schieramenti politici. Le parole del Presidente pronunciate oggi nel discorso di insediamento al Parlamento sono dimostrazione di un impegno costante per l'Italia. Siamo certi – continua Marsiglia - con questo nuovo incarico la rappresentanza del Presidente della Repubblica diverrà sempre più contributo in campo internazionale, nel tessuto produttivo italiano e nella comunità nazionale traghettandoci in una fase nuova e di ‘energia pulita’ a quale il nostro settore da tempo sta orientano i propri sviluppi ed investimenti in una Transizione Energetica concreta ed efficace nella Comunità Internazionale” - conclude la nota.

Ultima modifica il Giovedì, 03 Febbraio 2022 19:58

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233016