Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 
 
Sabato, 09 Dicembre 2023 11:13

CNA Abruzzo, Silvio Calice è il nuovo Direttore regionale

In tanti giovedì al Marrucino di Chieti per la sua elezione: «Riaprire la stagione della concertazione»

PESCARA – Silvio Calice è il nuovo Direttore regionale della CNA Abruzzo. Lo ha eletto giovedì sera la direzione regionale della confederazione artigiana nel corso di una manifestazione dal titolo “Le radici del nuovo. CNA davanti a tutti nell’Abruzzo che verrà”, tenuta al Teatro Marrucino di Chieti di fronte a una grande cornice di pubblico che prima della sua designazione ha tributato il proprio caloroso saluto al Direttore uscente Graziano Di Costanzo. Davanti al Segretario generale Otello Gregorini, al Presidente regionale Savino Saraceni e una platea ricca di ospiti istituzionali e di esponenti del mondo delle associazioni d’impresa e sindacali, oltre che dell’università, Silvio Calice ha delineato il proprio programma per il mandato che gli è stato conferito. Cinquantadue anni, nato a Chieti ma residente a San Salvo, laureato in Economia e Commercio all’Università d’Annunzio di Chieti- Pescara, con quattro Master nel proprio curriculum, coniugato con Vania Perrucci, Silvio Calice prima di approdare nella CNA regionale (dove ha rivestito gli incarichi di responsabile del settore Costruzioni e dell’impiantistica, oltre che dell’area sindacale) ha ricoperto diversi incarichi nella CNA di Chieti: tra gli altri, quello di responsabile dell’area dei servizi per la finanza agevolata, dell’agenzia per il lavoro e la creazione d’impresa, rivestendo anche l’incarico di coordinatore del Patto territoriale Chietino- Ortonese. «In questo momento di grandi cambiamenti economici, sociali e tecnologici – ha detto tra l’altro nel suo discorso di saluto, in cui ha delineato la sua strategia di governo del sistema associativo - dobbiamo abbracciare le sfide e pensare a un futuro in cui gli imprenditori della CNA non siano solo creatori di posti di lavoro o generatori di ricchezza, ma veri e propri custodi dei valori fondamentali. Quei valori che rendono unica la nostra Regione, le nostre comunità, l’ambiente e l’ecosistema che ci circondano».

Una missione sociale per il mondo della piccola e micro impresa, insomma, che Calice ha voluto corroborare di dati: «Le nostre imprese sono green, perché oltre il 55% dei brevetti italiani su energie alternative, sono depositati da piccole imprese; sanno lavorare in rete, perché il 96% di esse sono capofila di contratti di rete e altre forme aggregative; sono l’infrastruttura turistica, perché nel 97% dei Comuni con strutture ricettive, la totalità dell’offerta è costituita da micro e piccole imprese, che occupano più del 50% degli addetti; sono custodi del patrimonio gastronomico, perché oltre il 91% delle imprese IGP sono micro e la quota sfiora il 95% se aggiungiamo le Dop; sono il motore della cultura e della creatività italiana, dove rappresentano il 97,2% ; sono il presidio economico e sociale dei piccoli Comuni, dove rappresentano il 99,4% ; sono l’hub del lavoro giovanile, dato che il 68% dei giovani trova nelle piccole imprese la loro prima occupazione Sono in prima linea nell’integrazione, dando lavoro all’83% dei lavoratori stranieri; sono in marcia, più di altri, per la parità di genere, dato che il 22,5% delle micro imprese sono a conduzione femminile». Quanto al rapporto con le istituzioni, che chiama in causa la fondamentale funzione di rappresentanza della categoria, Calice ha avvertito: «Alle istituzioni, e in primo luogo alla Regione, diciamo che la concertazione va rimessa al primo posto: c hiediamo un impegno concreto per ripristinarla in modo sistematico: la CNA Abruzzo sarà la CNA del dialogo e non della rivendicazione. Siamo pronti a giocare un ruolo attivo, come partner affidabili: la nostra visione è di una collaborazione che vada oltre le formalità e le appartenenze, abbracciando tutto ciò che è possibile costruire quando privato e pubblico si uniscono, per il bene comune». Coerenza tra il dire e il fare. E’ quella che il Segretario generale della CNA, Otello Gregorini, nel suo intervento conclusivo al teatro Marrucino di Chieti, ha richiesto alla politica per le scelte economiche. Scelte decisive per dar corpo alle sostanza a una scala di priorità che la stessa agenda politica politica spesso indica, e che si chiamano innovazione, digitalizzazione, sostenibilità.

Laddove però non sempre alle enunciazioni seguono i fatti: «Servono scelte chiare e coerenti – ha detto tra l’altro Gregorini - e a questo Governo nazionale così come anche ai Governi regionali chiediamo provvedimenti di politica economica che vanno misurati e tarati per questo mondo di piccole imprese. Un mondo che rappresenta il 99% del tessuto imprenditoriale del nostro Paese, ma che spesso invece deve osservare l’adozione di misure pensate per il restante 1%, ovvero la grande impresa». Ad aprire i lavori dell’appuntamento di giovedì era stato il presidente regionale della CNA, Savino Saraceni.

Da lui, il tributo al Direttore uscente Graziano Di Costanzo: «Abbiamo il compito di immaginare una nuova CNA Abruzzo, una CNA diversa, conservando le nostre radici, ma proiettata nel futuro. Con una partecipazione più ampia, una visione e obiettivi condivisi, con una profonda e rinnovata fiducia reciproca. Occorrerebbe troppo tempo, in questa sede, per ricordare quanto Graziano ha rappresentato e fatto in 37 anni di lavoro nel nostro sistema associativo e nei 25 passati alla direzione regionale della CNA Abruzzo. D’altra parte, molti di voi ne hanno avuto e ne hanno cognizione diretta. Come ce l’ha anche il nazionale, che in tutti questi anni ne ha potuto apprezzarne il valore come quadro dirigente competente, appassionato e disponibile a lavorare facendo sistema con gli altri territori. Un valore aggiunto, il suo, che in Abruzzo ha voluto dire crescita, tradotta nel nostro forte radicamento nell’artigianato nella micro e media impresa». Sottolineato da applausi e dall’abbraccio corale della platea, l’intervento del Direttore uscente Graziano Di Costanzo che ha ricordato i molti anni trascorsi all’interno del sistema CNA, ma anche i tanti nomi di dirigenti che ha incrociato nel suo percorso: «Mai però come CNA – ha detto tra l’altro in uno dei passaggi più significativi del suo intervento – abbiamo pensato di anteporre i nostri interessi di parte a quelli generali: le nostre scelte sono sempre state ispirate dalla ricerca del bene comune».

Tante, come detto, le presenze in platea al Marrucino. Tra gli interventi, il sindaco di Chieti Diego Ferrara; l'assessore regionale alle Attività produttive, Daniele D’Amario; il presidente della Camera di Commercio di Chieti-Pescara, Gennaro Strever; il segretario regionale della Uil Michele Lombardo; il direttore regionale della Confartigianato, Daniele Di Marzio; l'ex vicepresidente del CSM, Giovanni Legnini; mentre nell'intervento della direttrice della CNA di Chieti, Letizia Scastiglia è arrivato un richiamo forte ai temi legati alla inaccettabile piaga della violenza contro le donne. In platea, il senatore Michele Fina, i consiglieri regionali Mauro Febbo e Silvio Paolucci.

 

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233016