Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Giovedì, 10 Ottobre 2019 17:28

Nereto/omicidio. Marito confessa.

Cgil: "ennesimo femminicidio". Fina, PD: "una guerra civile in corso".

Pubblicato in Cronaca

I Carabinieri del Comando Stazione di Sant’Egidio alla Vibrata questa mattina hanno tratto in arresto su ordine di custodia cautelare agli arresti domiciliari emesso dal GIP del Tribunale di Teramo  un noto commerciante del posto 53enne, accusato di atti persecutori nei confronti della ex moglie.

Il predetto, dopo la cessazione della convivenza (circa un anno e mezzo fa), non si era mai rassegnato alla separazione ed anzi, dopo aver visto l’ex moglie accompagnarsi con un altro uomo aveva iniziato a pedinare e importunare la donna. Lo stesso, con condotte reiterate e petulanti la minacciava e la molestava in modo da cagionarle un perdurante e grave stato di ansia e paura, ingenerando nella vittima un fondato timore per la propria incolumità.

L’uomo, infatti, in più circostanze, incontrando l’amica della moglie, la aggrediva verbalmente accusava di essere stata la causa della sua separazione e le urlava dicendole che avrebbe ammazzato con una pistola la moglie.

In una circostanza, in un impeto d’ira, aveva aggredito fisicamente l’amica della moglie con i pugni l’amica. In altre occasioni telefonava alla moglie ovvero le inviava messaggi whatsapp ed sms ingiuriosi ed offensivi ricoprendola di insulti. Lo scorso mese di settembre era arrivato a danneggiare l’auto dell’attuale compagno della moglie, in uso a quest’ultima, rompendo i tergicristalli anteriori e posteriori ed entrambi gli specchietti retrovisori esterni, parcheggiata nell’area condominiale sotto casa della donna. Alcune volte, aveva affrontato l’attuale compagno sia per strada sia sul posto di lavoro minacciandolo di gambizzare lui e l’ex moglie.

Il commerciante, dopo le formalità di rito è stato sottoposto in regime di arresti domiciliari.

Pubblicato in Cronaca

Israele: Un 76enne di Tel Aviv ha ucciso la moglie, con un martello con lo scopo di punirla per aver impedito di guardare la finale del singolare maschile al torneo degli Australian Open di tennis.

Pubblicato in Cronaca
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…