Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 13 Novembre 2017 19:11

Montesilvano/ fanghi porto di Ortona davanti la costa. “Sindaco cosa intende fare?”

Scritto da A.C.
l'area di scarico fanghi l'area di scarico fanghi

“Il decreto legislativo n. 152 del 2006, stabilisce che i fanghi di dragaggio, sono un rifiuto e dovrebbero essere trattati in impianti dedicati per renderli utilizzabili come previsto dalla legge.”

“Quali sono stati i criteri che hanno determinato di sversare i fanghi davanti le coste di Montesilvano? Quali provvedimenti intende il Sindaco Maragno intraprendere o ha già intrapreso per bloccare tale sversamento?” Correnti, fauna marina, compatibilità con l'ecologia della zona. Scaricare i fanghi di dragaggio del porto di Ortona, davanti alla costa in un sito ampio che coinvolgerebbe anche Montesilvano, oltre Silvi, Città Sant'Angelo e Pescara, “a tutt’oggi non esiste nessuno studio scientifico comparato che garantisca l’assenza potenziale di rischi”. Questo l'argomento dell'interrogazione di Gabriele Di Stefano Consigliere Comunale in carica al Gruppo Misto.

Si registrerebbe, secondo il monitoraggio sui bio indicatori e sulla biodiversità del mare di Montesilvano della Nuova Saline, una ripresa ecologica marina da circa un anno, così riferisce Di Stefano, “dopo questi sversamenti quali saranno gli effetti a breve e lungo termine sull’ecologia marina?” E riporta al centro, “Per un comune che si è fregiato della bandiera verde (mare a misura di bambino) e in corsa per la bandiera blu, come si può pensare di farlo diventare una discarica per i rifiuti del porto di Ortona.”

Se la legge afferma che i fanghi di dragaggio sono un rifiuto, “Non si capisce perché un artificio politico lo trasforma in sottoprodotto scaricabile direttamente in mare”

La proposta del consigliere:“Poiché il Comune di Ortona sostiene che i fanghi non sono pericolosi per la salute e per l’ambiente, suggerisco di scaricarli davanti la propria costa magari molto al largo, per evitare che si ridepositano lungo la costa, oppure come sancisce l’Europa ad un processo di trattamento per realizzare nuovi ripascimenti sulle spiagge danneggiate dall’erosione, per il ripristino di cave abbandonate o di materiale per l’edilizia o per il ripascimento.”

La normativa sancisce che i fanghi di dragaggio sia se rifiuto che sottoprodotto non può essere scaricato in mare.  “Perché si è ritenuto ecologicamente pericoloso realizzare il progetto di un porto a Città Sant’Angelo, ma non si ritiene pericolo farci una discarica di fanghi di dragaggio?”