Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 12 Settembre 2018 18:57

Francesco Cilli, con un reportage sulla bulimia, vince il Luganophotodays

Scritto da di Angela Curatolo
la foto vincitrice di Cilli la foto vincitrice di Cilli

 fotografo montesilvanese conquista il premio prestigioso internazionale nella categoria emergenti 

 

"In questo periodo storico, dopo l'avvento dei social siamo così abituati a commentare e giudicare gli altri e non abbiamo più quel rispetto che una qualsiasi persona malata meriterebbe". Nei suoi shots racconta sempre la verità, il disagio, Franceco Cilli documenta l'Universo che si cela nelle pieghe della vita, nascosto, silenzioso sfuggente al quotidiano, degno di essere approfondito.

"There is the sun outside" è il titolo della foto e mostra una giovane donna, di schiena, nella vasca da bagno. Una denuncia sulla bulimia, "un disturbo alimentare che riguarda circa 3 milioni di italiani dei quali per il 95% sono donne", ricorda il fotografo, "Quando mi nominavano la Bulimia in realtà non sapevo bene cosa fosse, - spiega- leggendo e parlando con altri mi sono accorto che tutti la confondevano con l'anoressia. Questo ha fatto si che in me crescesse il bisogno di sapere."

Il 12 ottobre ci sarà l'apertura del festival con l'inaugurazione delle mostre fotografiche. Scrive Cilli sul social: "Onorato di essere il vincitore del Contest Emerging Photographer 2018 del LuganoPhotoDays, con il mio lavoro sulla bulimia. Un ringraziamento speciale alle splendide ragazze che mi permettono di raccontare la loro storia, e al CedaP di avermi dato quest'oppurtunità."

Il reportage finale, che conterrà le foto in esposizione alla mostra, è in corso di preparazione, ogni scatto racconta una storia autentica: "la ragazza della foto - precisa - non è una modella ma una persona realmente affetta da bulimia"

Francesco Cilli nasce a Pescara il 15 luglio del 1993, perito elettronico, nel 2011 rimane sedotto dalla fotografia, quando inizia a collaborare come assistente presso uno studio fotografico. Nel 2015, partecipa al concorso "Emerging Talent 2015" del LensCulture e viene premiato con un account portfolio per il suo lavoro "Una Notte Senza Luna". Nel 2016 parte alla volta del Bangladesh con la onlus "Operare Per" e pubblica il suo primo libro "THE HEROES", auto finanziato, che ritrae coloro che Cilli ritiene realmente eroi, medici che da 25 anni operano malformazioni congenite sui bambini del Bangladesh, in cui la mortalità infantile al di sotto dei 5 anni è di 89 morti su 1000 bambini.

E' solo l'ultimo dei tanti riconoscimenti per il giovane concittadino che sicuramente è destinato ad una lunga lista di successi per l'originalità e la sensibilità della propria opera.

Il festival Luganophotodays nasce da un'idea di Marco Cortesi nel 2012 con l'apporto di Fabrizio Biaggi, nel giro di pochi anni è diventato un premio prestigioso che coinvolge diversi fotografi internazionali e un network di contatti nel mondo dello scatto. Gli altri vincitori sono Mattia Vacca (reportage) con un lavoro sulla guerra dimenticata del Nagorno-Karabakh e Marco Fabbri (wildlife) con la fotografia notturna di un gufo che torna al nido.