Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 25 Marzo 2019 17:35

It's so easy all'Aurum di Pescara

Scritto da kim redy

In questa nuova edizione, It's so easy, punterà ad un confronto trai generi.

 

Mentre la scorsa edizione era caratterizzata da un’indagine sulla Fotografia femminile e sul Rapporto Donna-Digitale, stavolta il focus sarà il confronto tra progetti maschili e femminili, e si cercheranno punti di incontro/o scontro tra due modi di vivere la Fotografia. I fotografi scelti, diversi per contenuti e personalità, con questi progetti apriranno un dialogo coinvolgendo gli spettatori in maniera attiva. Così spiega Michela Piccoli, storica dell’arte, ideatrice e curatrice It’s so easy L’esposizione risulterà ricca e variegata, e nonostante la diversità terrà conto della fluidità complessiva.

Il modo attraverso il quale le fotografe raccontano se stesse: la vita, la quotidianità fatta di oggetti e ricordi di Valentina De Santis, il viaggio reale e quello dell’immaginazione dei diari di reportage di Alberta Aureli, la sete di vita e di curiosità, la voglia di scoprire e andare oltre la superficialità delle cose di Flavia Rossi, sarà affiancato dagli scatti veloci della street photography e dai dettagli di Andrea Gagliardi, dai ritratti segnati da verità nascoste di Antonio Rochira, e da una danzatrice che vive tesa tra voglia di affermarsi e il demone dell’anoressia di Anthony Stone.

La sensibilità e la volontà di conferire una leggerezza profonda al racconto resta il collante tra le immagini dei vari progetti, facendosi decisa quando arriva a quelli maschili. L’evento “It’s so easy”, che si colloca all’interno del mese del Rosa Digitale, Movimento nazionale per le pari opportunità nel campo della Tecnologia ed Informatica, cercherà di affermarsi come appuntamento annuale aperto all’incontro e alla collaborazione tra i generi. Un’occasione in cui ospitare fotografi nazionali, sperando di procedere verso uno scambio prezioso di idee, di collaborazioni, spunti, confronti, tra appassionati, professionisti e visitatori, per essere “vivi” con gli altri.