Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 25 Novembre 2019 16:39

Montesilvano. Di Costanzo propone una Commissione Pari Opportunità consultiva

Scritto da rednez
panchina rosa simbolo contro violenza sulle donne panchina rosa simbolo contro violenza sulle donne

Organismo consultivo e propositivo, la mozione di Romina Di Costanzo nella giornata contro la violenza sulle donne.

 

Oggi in occasione del ventennale della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il gruppo consiliare del Partito Democratico – Progressisti per Montesilvano, ha presentato una mozione, a prima firma della consigliera Romina Di Costanzo, che impegna l'Amministrazione Comunale a:

• istituire la Commissione Pari Opportunità quale organismo consultivo e propositivo, permanente, dell’Amministrazione in osservanza dei principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, della Convenzione di Istanbul, del Codice delle Pari Opportunità tra uomo e donna, della normativa nazionale e regionale in materia e in accordo a quanto previsto dallo Statuto Comunale, all’art.35.

• provvedere al Bilancio di genere, quale documento in cui si analizza e valuta, in ottica di genere, le scelte politiche e gli impegni economico-finanziari dell’amministrazione, avviando con gli altri Enti locali aderenti uno scambio di buone prassi in materia. • aderire al progetto panchina rossa per rafforzare e testimoniare la necessità di agire a più livelli della società per arginare e contrastare il gravissimo fenomeno sociale della violenza sulle donne.

“Proprio stamattina nella commissione, presieduta da Marco Forconi, della quale sono vicepresidente, ho presentato una bozza di regolamento che sarà valutata nella prossima seduta utile, al fine di regolamentare il funzionamento della Commissione Comunale Pari Opportunità, che mi auguro il Comune istituisca al più presto. Uno strumento operativo per l’Amministrazione che, in attuazione dei principi di uguaglianza e di parità, intende perseguire la rimozione degli ostacoli che possono limitare l'effettiva uguaglianza fra i generi e fra le diversità culturali, disabilità, orientamento sessuale, condizioni economiche, etnia, valorizzando la presenza femminile nella gestione della vita della comunità, favorendo l’equilibrio delle rappresentanze e l'affermazione del diritto alla diversità e contrastando ogni forma di violenza di genere". Riferisce la consigliera comunale Di Costanzo. "E proprio perché l’indipendenza economica resta un fattore fondamentale di affrancamento dal contesto violento per le donne, il nostro gruppo consiliare chiede anche che l’Amministrazione si doti del gender budgeting, bilancio di genere,  uno strumento volontario di bilancio che analizza e valuta in ottica di genere le scelte politiche e gli impegni economici-finanziari per incidere in modo significativo sulla qualità della vita dei cittadini, per l'affermazione dei principi di parità e pari opportunità tra le persone. Infine, in accoglimento al segnale di sensibilizzazione lanciato dagli Stati Generali delle Donne e rivolto agli enti locali di tutta Italia, ci auguriamo che l’Amministrazione aderisca al progetto “Panchina Rossa”, come monito contro la violenza sulle donne e in favore di una cultura di parità".

Ultima modifica il Lunedì, 25 Novembre 2019 16:46