Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 19 Aprile 2021 15:43

"Tutto, mi raccomando, meno che scrivere"

Scritto da nefer

Mercoledì 21 Aprile 2021 alle ore 18,30, il Salotto culturale on line "Prospettiva Persona" 2021, propone un reading piacevole dai racconti di Achille Campanile, a cura di Lucia Pompei

"Tutto, mi raccomando, meno che scrivere"

"Il padre giornalista sognava per lui una professione pratica e redditizia come quella d’ingegnere navale: tutto, comunque, tranne che lo scrittore. Ma il giovane Achille Campanile ascoltava i discorsi familiari sul proprio futuro con rassegnazione e sofferenza, stentando a immaginarsi a progettare navi: «...ero triste all’idea che avrei dovuto fare delle navi. Pensavo che sarebbero andate a fondo subito, non sarei riuscito mai a fare una nave che stesse a galla. Poi, fortunatamente, questa idea fu abbandonata. E si pensò di farmi fare il diplomatico: pareva una bella professione, si viaggia, si sta sempre nelle feste. Ma pure questo cadde". Del resto, l’abilità di Campanile nello scrivere emerse precocissima ai tempi della scuola, quando con la tragedia Rosmunda attirò su di sé le attenzioni del professore e dei compagni di classe: "...il professore cominciò a ridere sotto i baffi. Poi mi restituì il manoscritto: “Se studierai” disse “un giorno scriverai delle tragedie serie”...". (Sfiorando l’icona blu, l’articolo di Oreste Del Buono su Achille Campanile — "Il Campanilismo dell’Italia che ride" — pubblicato il 15 ottobre 1989. Nella stessa pagina anche un ricordo di Alberto Bevilacqua). Battute a parte, il destino letterario di Campanile era segnato, e fu proprio grazie al padre che, a inizio Anni ’20, fece il suo ingresso nel mondo del giornalismo, entrando come correttore di bozze al quotidiano La Tribuna, esperienza che gli diede i primi rudimenti sui meccanismi della redazione e gli fece sviluppare uno stile anticonvenzionale e ironico personalissimo, tra iperboli, nonsense e un umorismo nettamente in anticipo sui tempi" ( L. Balzarotti e B. Miccolupi).

Coloro che sono interessati a seguire il reading, se non fossero ancora iscritti, possono farlo gratuitamente, mandando una richiesta alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro martedì 20 aprile sino alle ore 12, inviando i propri dati ( Nome, Cognome, email, telefono cellulare) alla segreteria del salotto che provvederà a custodirli secondo le regole della privacy per far avere a tutti gli iscritti il link di collegamento. La nuova piattaforma go to meeting che dovete scaricare gratuitamente, ci consente di offrire su richiesta l’evento registrato.

(Con patrocinio di Fondazione Tercas, Ministero della cultura).