Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 19 Aprile 2021 16:19

Abruzzo/Coronavirus, 97 casi e 434 guariti

Scritto da redenz

scendono gli attualmente positivi a 9758

 

Sono complessivamente 69480 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza, il totale risulta inferiore in quanto è stato sottratto un caso comunicato nei giorni scorsi e risultato duplicato, di età compresa tra 1 e 92 anni.

Rispetto a ieri si registrano 97 nuovi casi.

I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 21, di cui 9 in provincia dell’Aquila, 6 in provincia di Teramo e 6 in provincia di Chieti. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 6 nuovi casi e sale a 2337** (di età compresa tra 57 e 91 anni, 1 in provincia di Chieti, 1 in provincia di Pescara, 3 in provincia dell’Aquila e 1 residente in Abruzzo). **in seguito a riallineamento sono stati eliminati 2 casi risultati duplicati Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 57385 dimessi/guariti (+434 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 9758 (-342 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 971328 tamponi molecolari (+5908 rispetto a ieri) e 384359 test antigenici (+910 rispetto a ieri). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 1.4 per cento. 514 pazienti (+8 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 52 (-4 rispetto a ieri con 0 nuovi ricoveri) in terapia intensiva, mentre gli altri 9192 (-346 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 17290 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+38 rispetto a ieri), 17772 in provincia di Chieti (+32), 17613 in provincia di Pescara (+6), 16064 in provincia di Teramo (+25), 552 fuori regione (-1) e 189 (-4) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.