Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 23 Aprile 2021 19:03

Pescara/25 Aprile, alla memoria di Italo Giovannucci, Sindaco della Liberazione

Scritto da nefer

In occasione del 25 aprile, giornata che ricorda la liberazione del nostro paese dal nazifascismo, il PD pescarese aderisce all'iniziativa promossa dall'ANPI - Strade di Liberazione - che prevede la deposizione di fiori sotto le targhe delle vie e delle piazze dedicate ad antifasciste/i e partigiane/i.

Il PD omaggerà, con una delegazione composta dal segretario provinciale Nicola Maiale, dai consiglieri comunali Piero Giampietro, Stefania Catalano, Francesco Pagnanelli, Marco Presutti e Giovanni Di Iacovo, dal consigliere regionale Antonio Blasioli, dall'ex sindaco Marco Alessandrini, da attiviste ed attivisti dei circoli territoriali di Pescara e dei Giovani Democratici, la memoria di Italo Giovannucci, nei pressi della via a lui dedicata, all'angolo con Via di Sotto, domenica 25 aprile alle ore 11:00.

“Il 31 marzo 1946, esattamente 75 anni fa, i pescaresi elessero il primo Consiglio Comunale della nuova città istituita nel 1927. Il 31 marzo fu la prima volta in cui votarono le donne pescaresi, tre mesi prima di tante altre donne italiane per le quali invece il primo voto fu quello del 2 giugno, nel referendum fra Monarchia e Repubblica. Il 31 marzo per le prime elezioni libere di Pescara votarono 24.494 cittadini nei 42 seggi (di cui 5 nel territorio di Spoltore, allora parte dello stesso Comune) allestiti dove al tempo avevano sede il liceo classico, la scuola industriale, l'istituto tecnico, la scuola magistrale, l’istituto Ravasco, le scuole elementari in corso Vittorio Emanuele, via Roma, via Leopoldo Muzii, piazza Duca degli Abruzzi, via Colonna, via Tedesco, via Colle Innamorati, largo Madonna dei Sette Dolori, via Raiale, nei rioni Pineta, Giammaria (zona ospedale), Santa Filomena, Borgo Marino, Fontanelle, San Donato, San Silvestro, nel Cral di via Colle di Mezzo, nella società sportiva Aterno di corso Umberto. Il 7 aprile si riunì il Consiglio Comunale e la maggioranza composta da socialisti, comunisti e repubblicani elesse sindaco l'avvocato Italo Giovannucci, che era stato in carica anche dal 1944, all'indomani della Liberazione, su designazione del CLN. - racconta la nota del PD pescarese - Italo Giovannucci, Sindaco della Liberazione, della cui elezione ricorre il settantacinquesimo anniversario proprio quest'anno, raccolse una città in macerie ed i cui abitanti avevano perso tutto trasformandola nel cuore economico e sociale d'Abruzzo. “