Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 
Lunedì, 18 Settembre 2023 15:52

Lavoro: Quaresimale, nel piano regionale 1 mln di euro a CPI di Teramo

2,2 milioni di euro le risorse che la Regione Abruzzo ha predisposto per i Centri per l’impiego della provincia di Teramo.

Pescara, 18 set. – Ammontano a oltre 2,2 milioni di euro le risorse che la Regione Abruzzo ha predisposto per la ristrutturazione e l’acquisto degli edifici che ospitano i Centri per l’impiego della provincia di Teramo. Lo rende noto l’assessore regionale al Lavoro, Pietro Quaresimale, intervenendo sulle problematiche del lavoro e l’organizzazione sul territorio dell’incrocio domanda/offerta. “I Centri per l’impiego – ha detto Quaresimale – stanno vivendo un passaggio decisivo del loro futuro in ragione di un incremento delle competenze che li rende centrali nelle nuove dinamiche del mercato del lavoro. Questo nuovo scenario ci permette inoltre di intervenire per migliorare le infrastrutture dei Centri per l’impiego, cominciare dalle sedi. A Teramo, ad esempio, è previsto un investimento strutturale di 1 milione di euro; con questa cifra contiamo di rendere maggiormente fruibile la sede dei CPI del capoluogo venendo incontro in questo modo alle numerose richieste di lavoratori e cittadini”.

Le sedi dei CPI abruzzesi possono contare su uno stanziamento complessivo di 13 milioni di euro, risorse che lo Stato ha messo a disposizione dell’Abruzzo per finanziare il piano regionale di riordino delle sedi dei CPI. La cifra destinata alla provincia di Teramo prevede la realizzazione di lavori anche nelle sedi di Giulianova, Roseto e Nereto per un importo complessivo di 1,2 milioni di euro a cui si aggiunge un milione destinato esclusivamente alla sede di Teramo.

“Per le città che ospitano i CPI è un’occasione da non perdere – conclude Quaresimale – perché in questo modo con fondi a destinazione diretta dello Stato si rendono maggiormente fruibili strutture pubbliche i cui costi di adeguamento altrimenti ricadrebbero sulle casse comunali e dunque direttamente sul cittadino”.

chiacchiere da ape