Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 
Venerdì, 23 Febbraio 2024 09:18

Montesilvano, Di Costanzo: il filobus in via Tasso, "pachiderma in un negozio di porcellane"

Montesilvano. Romina Di Costanzo: "Il circo dei filobus: un viaggio nel tempo con destinazione... caos! "

"È una giornata come tante in città e i filobus si fanno strada lungo la strada parco con la grazia di pachidermi in un negozio di porcellane, cercando di non invadere la linea di mezzeria piazzata su una sede troppo stretta. Alle 8 in punto, l'epico transito dei sei filobus ha dato il via allo spettacolo mattutino del caos coordinato." La consigliera comunale a Montesilvano, candidata alle reginali Abruzzo, Romina Di Costanzo, riporta sul proprio profilo social quanto accaduto ieri con il filobus a Montesilvano.

"L'azione è stata particolarmente intensa all'altezza di Via Tasso, dove il gigante da 18 metri, proveniente da Viale Europa, ha deciso di fare marcia indietro e continuare sulla direttrice principale, probabilmente perché, nonostante l’abbrivio, non era pronto per la contorsione necessaria all’ampiezza della curva. Come se non bastasse, è da rilevare la quantità impressionante di infrazioni che hanno reso il tutto un'esperienza degna di un film tragicomico". Prosegue Di Costanzo: "Lo so che dire l’avevamo detto può risultare antipatico…ma l’avevamo detto! Ma scherzi a parte, in un momento in cui il mondo si evolve velocemente, è cruciale riconsiderare le scelte di un passato di 30 anni fa. L'ostinazione nel perseguire questa opera ha già fatto bruciare circa 30 milioni di euro; un’opera che ora sembra più un'attrazione da luna park che un sistema di trasporto pubblico efficiente e funzionale. E quando si tratta di reazioni dei cittadini, dobbiamo riconoscere che non sempre è solo una questione NIMBY ma piuttosto una critica costruttiva sul futuro della mobilità sostenibile".

Conclude: "Dobbiamo essere pronti a rivedere le nostre scelte, bilanciando attentamente costi e benefici anziché continuare a giocare a tentoni, sperando fondi pubblici."

chiacchiere da ape