Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 20 Giugno 2016 12:42

Abruzzo/elezioni. Razzi, "disfatta! Si dimetta subito il gruppo dirigente e si ritiri a vita privata"

Scritto da Red En

Sen. Antonio Razzi (FI). Elezioni:"Non una sconfitta ma una disfatta in Abruzzo per Forza Italia:"si dimetta tutto il gruppo dirigente e si ritiri a vita privata. Hanno distrutto Forza Italia in Abruzzo."

 

 

Roma, 20 giugno 2016. I risultati delle ultime elezioni rappresentano uno scacco matto a Forza Italia. Il centrosinistra vince in Abruzzo ai ballottaggi, Abruzzo terra natia del senatore Razzi. Il Pd conquista Francavilla al Mare in prima battuta, poi Lanciano, Vasto e Roseto degli Abruzzi. A Sulmona vince una lista civica di centrosinistra. A Civita D'Antino vince Sara Cicchinelli, a Ortucchio il sindaco è Raffaele Favoriti. Il commento del Senatore Razzi: chiedo ufficialmente le dimissioni di tutto il gruppo dirigente del partito in Abruzzo che va immediatamente commissariato. Non è possibile neanche ammissibile che Forza Italia sia stata letteralmente “asfaltata” anche dove storicamente è stata bastione del centrodestra. Certo, ha continuato Razzi, quando sei assente, quando non incontri la gente per strada e ne ascolti gli sfoghi e le istanze, quando diventi un barone mammasantissima attaccato solo alla sedia ed alle tue aspettative personali per il futuro, altro non puoi attenderti che il rifiuto da parte dell’elettorato. Questa è una squadra che ha solo perso collezionando sconfitte che non hanno mai fatto intravvedere neanche lontanamente la possibilità di una ripresa. Il problema sta soprattutto nella qualità umana soprattutto e poi in quella politica, ha continuato il senatore di Forza Italia: il menefreghismo  del territorio. Questo gruppo dirigente non solo è gravemente colpevole di aver portato Forza Italia alla sfacelo in Abruzzo ma anche di essersi impegnato con costanza a contrastare quelli che come il sottoscritto, volevano sul territorio persone capaci di essere presenti invece che degli “incravattati” Cicciobelli. Occorrono persone serie e motivate per essere utili alla gente. Personalmente sono stato boicottato, senatore della Repubblica abruzzese doc, in tutte le maniere nonostante che ai miei incontri con i cittadini, le sale fossero colme sino a fuori con la gente in piedi. Di questi risultati vado fiero e non perché fossi quel grande politico che molti credono di impersonare parlando difficile ed ingannando l’uditorio, ma perché sono una persona semplice, normale, che capisce i veri problemi della gente e che è stufa delle chiacchiere da professori da quattro soldi.