Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Ddu’ scelle (canto alpino aquilano) Versi di Mario LOLLI - Musica di Camillo BERARDI

Parole e musica

Testo poetico del canto aquilano "Ddu' scelle", (Due ali) congiuntamente allo spartito musicale.

 

Ddu’ scelle (canto alpino aquilano)

Versi di Mario LOLLI - Musica di Camillo BERARDI

A chi nasce e cresce in montagna
la natura dona il profumo della terra,
la purezza dell’aria,
il candore della neve,
la saldezza delle rocce
la vicinanza del cielo.
Fortunato è colui che sa capire
e custodire nel cuore
questi doni inestimabili.


Montagna me’,
da quann’era quatranu
me sci’  ‘mparatu che  la vita è bella.
Vivendo ‘nsieme a  tti da paesanu
me  ss’è rrempitu de speranza ju core
pecchè me sci’  ‘mparatu a ffa’  all’amore.

Rit. Montagna me’,
regalame ddu’ scelle,
famme vola’ sopr’ aji sassi te’,
‘n mezz’ aju sole, ‘n mezz’a ‘ssu splendore
sottu ju sguardu dòce delle stelle,
a core a core co’ ju prim’amore.

Montagna me’,
da che te so’ lassatu
me so’ scordatu che la vita e bella.
Pe’ corre alla città da disperatu
e senza reposamme ‘nu momentu
me ‘ss’è  ‘nmpastatu ju core de cementu.

Rit.  Montagna me’...

TRADUZIONE IN LINGUA

Due ali

Montagna mia,
da quando ero ragazzo
mi hai insegnato che la vita è bella.
Vivendo insieme a te da paesano
mi si è riempito il cuore di speranza
perché mi hai insegnato ad amare ogni cosa del creato.

Rit.  Montagna mia,
regalami due ali,
fammi volare sopra le tue rocce,
in mezzo al sole, in mezzo a questo splendore
sotto lo sguardo dolce delle stelle,
“a core a core” con il primo amore.

Montagna mia,
da quando ti ho lasciato
ho dimenticato che la vita è bella.
Per correre alla città da disperato
e senza riposarmi un solo istante
mi si è riempito il cuore di cemento.

Top News

Menu principale

Statistiche

Visite agli articoli
31661533