Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

Sabato, 17 Febbraio 2018 18:54

Pescara contro i centri commerciali: un'app e 50mila euro investimenti

conferenza di questa mattina conferenza di questa mattina

Pescara Shopping Village in 4 distretti: Pescara Centro, Pescara Sud, Pescara Colli e Pescara Nord.

 

Il primo a partire è il Distretto di “Pescara Centro”, per la maggiore concentrazione di negozi e perché ha già avviato un percorso in sinergia con tutta la filiera. Oggi la presentazione a Palazzo di Città con l’assessore alle Attività Produttive Giacomo Cuzzi e i rappresentanti dei commercianti.

“Le cose scritte nei programmi elettorali vengono rispettate e diventano dei fatti – dice l’assessore alle Attività Produttive Giacomo Cuzzi - dentro il quadrilatero del centro commerciale naturale con il primo stanziamento nel 2017 abbiamo promosso varie attività. Si parte da una regia unica, con un’offerta commerciale di qualità, promozione e marketing, eventi, nuovi strumenti da dedicare ai commercianti e ai fruitori, abbiamo studiato una App che ci consentirà di dare informazioni sull’ubicazione dei negozi, sulle offerte in corso, ma anche di mettere in comunicazione fruitori e commercianti per agevolare sconti e promozioni, per passare poi a segnaletica, vetrofanie, shopper, interventi sui negozi sfitti. Stiamo finendo di stampare i materiali, abbiamo fatto un censimento per raccogliere tutti i dati necessari a calibrare le azioni e fra qualche settimana in centro appariranno tutte queste cose."

Fa sapere che "Qualche giorno fa abbiamo inoltre approvato in Giunta una delibera per il prelievo dal fondo di riserva di 50.000 euro per lo Shopping Village, strategia unica per frenare lo strapotere dei centri commerciali che si trovano intorno alla città. Questo è un risultato molto importante e significativo, che si accosta a diversi risultati già messi a segno, dal plurinegozio, all’abolizione della tassa per le insegne, nuove opportunità di occupazione di suolo pubblico dei dehors per il centro, il consumo sul posto e tutte le manifestazioni che hanno fatto registrare una crescita importante. Tutto questo ci ha infatti portato al terzo posto in Italia con un più 18 per cento per la crescita nel settore enogastronomico e ci ha visto all’ottavo posto in Italia per cultura e intrattenimento, questi sono dati che attestano la bontà del nostro lavoro."

Inoltre nel bilancio del 2017 avevamo stimato 200.000 euro di entrate sulla tassa di soggiorno, a fine anno ne abbiamo incassati 230.000 e considerate le esenzioni che la tassa di soggiorno prevede, questo numero ci fa superare i dati dell’anno scorso e ci dà la certezza che la città si è mossa bene e ha prodotto economia”.

 

 

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233016