Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Martedì, 17 Novembre 2015 19:43

Tragedia all'Ilva di Taranto, muore lavoratore. Rappa "poteva essere evitata"

Scritto da ....

Questa mattina un gravissimo incidente ha spezzato la vita di Cosimo Martucci, lavoratore della ditta Pitrelli, appalto Ilva, mentre effettuava delle lavorazioni nell'area Agglomerato all'interno dello stabilimento siderurgico di Taranto.

 

Un operaio di una ditta appaltatrice e' morto, travolto da un grosso tubo, nello stabilimento Ilva di Taranto. La vittima, che aveva 45 anni, si chiamava Cosimo Martucci e risiedeva a Massafra (Taranto). L'incidente si e' verificato poco fa nell'area di agglomerazione dell'azienda, dove la vittima insieme ad altri operai, era al lavoro e, per cause in corso d'accertamento, e' stato schiacciato dal tubo, restando ucciso sul colpo. Immediata la convocazione di uno sciopero dalle 11 di oggi da parte dei sindacati degli operai dell'Ilva e delle ditte appaltatrici, per protestare per le condizioni di lavoro. L'azienda, intanto, ha confermato che l'incidente si e' verificato durante lo scarico dei tubi da un autotreno.

Per Rosario Rappa, segretario nazionale Fiom-Cgil, e Giuseppe Romano, segretario della Fiom di Taranto, “si tratta di una tragedia che poteva essere evitata, visto che più volte è stato denunciato che la sicurezza nello stabilimento è messa in discussione da tutta una serie di ritardi e carenze organizzative. L'obiettivo del risanamento ambientale dell'Ilva, a cui sono chiamati ad operare principalmente i lavoratori dell'appalto, non può non prescindere da una fondamentale e rinnovata pratica della prevenzione e della sicurezza.”

“La Fiom nazionale e la Fiom di Taranto – continuano – esprimono la loro vicinanza alla famiglia di Cosimo e fin d'ora annunciano, in attesa di conoscere le dinamiche dell'incidente mortale su cui stanno lavorando le autorità competenti, che qualora dovessero emergere responsabilità aziendali, la Fiom, come sempre, si costituirà parte civile.”

La Rsu ha immediatamente proclamato uno sciopero dei lavoratori dell'Ilva di Taranto e delle aziende degli appalti, a partire dalle 11 di questa mattina e fino alle 7 di domani. Due ore di sciopero in tutto il gruppo Ilva sono state invece proclamate dalle segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm, con modalità che saranno definite nei singoli stabilimenti.