Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 27 Gennaio 2021 19:45

Abruzzo. Decise linee guida per l’utilizzo degli impianti sciistici.

Scritto da Patrizia Valeri

Percentuale di positivi sopra la media regionale. Marsilio scrive ai sindaci dell’area metropolitana di Pescara per intensificare gli screening di massa.

“La Commissione Turismo ed Industria alberghiera si è oggi riunita assieme alla Commissione Prevenzione Covid-19 della Conferenza Stato - Regioni per l’adozione definitiva delle linee guida per l’utilizzo degli impianti di risalita delle stazioni e dei comprensori sciistici”. Ad annunciarlo è il coordinatore nazionale, Daniele D’Amario.

“Al termine della riunione è stato approvato il documento che recepisce le ultime indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico affinché lo stesso possa essere ratificato nella giornata di domani in Conferenza dei Presidenti e trasmesso al Governo. È stata, inoltre, ribadita la necessità di accelerare i tempi per consentire al mondo degli impiantisti e degli operatori dei comprensori di potersi preparare adeguatamente per la riapertura prevista per il 15 febbraio p.v.. Nella riunione – conclude D’Amario - è stata ulteriormente sollecitata l’approvazione delle linee guida per i maestri e le scuole di sci su cui il gruppo tecnico Covid delle Regioni è già a lavoro".

Covid/Abruzzo. 344 nuovi casi positivi su oltre 6mila il test 

Sono complessivamente 41450 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza.

Rispetto a ieri si registrano 344 nuovi casi, di età compresa tra 6 mesi e 91 anni, il totale risulta inferiore di 1 unità, in quanto è stato eliminato un caso comunicato nei giorni scorsi e risultato duplicato. I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 79, di cui 17 in provincia dell’Aquila, 19 in provincia di Pescara, 28 in provincia di Chieti e 15 in provincia di Teramo.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 6 nuovi casi e sale a 1441 (di età compresa tra 61 e 96 anni, 2 in provincia di Chieti, 1 in provincia dell’Aquila e 3 in provincia di Pescara).

Del totale odierno, 1 caso è riferito ai giorni scorsi e comunicato solo oggi dalle Asl. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 29933 dimessi/guariti (+308 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 10076 (+29 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 604877 tamponi molecolari (+4504 rispetto a ieri) e 52009 test antigenici (+1848 rispetto a ieri). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari al 5.4 per cento. 402 pazienti (-13 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 40 (-2 rispetto a ieri con 1 nuovo ricovero) in terapia intensiva, mentre gli altri 9634 (+44 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 11982 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+28 rispetto a ieri), 9306 in provincia di Chieti (+116), 8798 in provincia di Pescara (+119), 10830 in provincia di Teramo (+59), 350 fuori regione (invariato) e 184 (+21) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

Percentuale di positivi sopra la media regionale. Marsilio scrive ai sindaci dell’area metropolitana di Pescara per intensificare gli screening di massa.

Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, ha inviato una lettera ai sindaci di Pescara, Montesilvano, Spoltore e Città Sant’Angelo per mettere in evidenza l’andamento dei dati di positività al Covid sulla popolazione, emersi a seguito degli screening di massa. “Abbiamo notato – ha sottolineato il presidente Marsilio - che dallo screening massivo effettuato in provincia di Pescara le città dell’area metropolitana, compresa Città Sant’Angelo, hanno un tasso di positività sui tamponi effettuati che, seppur non allarmante, è comunque doppio della media riscontrata sul resto del territorio provinciale e su quello regionale. Un numero di positivi che varia tra i cinque e i sette casi su mille, mentre nelle altre grandi città dove lo screening è già stato fatto si riscontra una media tra lo 0,2 e lo 0,3 per cento. Ho quindi messo a disposizione del territorio interessato il personale della Protezione civile, il Dipartimento della Sanità e la Asl per continuare a eseguire tamponi. Nella lettera ho quindi suggerito ai sindaci di valutare l’opportunità di continuare, soprattutto nelle scuole, con gli screening massivi, mantenendo alta la vigilanza considerato che il virus circola più velocemente e diffusamente che in altri luoghi dell’Abruzzo. E’ doveroso quindi intensificare i controlli e l’attenzione. L’invito è rivolto anche alla popolazione affinché aderisca in maniera ancor più numerosa a questi screening, che ci stanno consentendo di isolare centinaia di positivi asintomatici. La raccomandazione per tutti – ha concluso il presidente Marsilio - è quella di rispettare in ogni ambiente le precauzioni necessarie e il corretto uso dei dispositivi di prevenzione”.