Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Martedì, 11 Maggio 2021 17:17

12 Maggio giornata internazionale dell'infermieri. Loro “dalla parte del cittadino”

Scritto da Angela Curatolo

In Italia mancano circa 60mila infermieri, quelli presenti sono stati e sono tuttora in prima linea accanto ai pazienti. 

Pescara un cippo per Florence

L’International Council of Nurses ricorda il 12 maggio 1820 la nascita di Florence Nightingale, fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne, celebrando in tutto il mondo la Giornata internazionale dell’Infermiere.

Nel 1974 fu fissata questa data. Ogni anno l'ICN sceglie un tema e distribuisce un kit divulgativo che contiene materiale educativo e informativo. Dal 1992 la Federazione nazionale Collegi Ipasvi sostiene la Giornata internazionale dell’Infermiere con la diffusione di manifesti che sottolineano l’impegno degli infermieri italiani sui temi della solidarietà e dell’alleanza con i pazienti e le loro famiglie.

Gli slogan proposti in oltre un decennio ribadiscono tutti la scelta di stare “dalla parte del cittadino”.

Il 12 maggio è così diventato l’occasione per far sì che la professione infermieristica “parli un po’ di sé” con i ricoverati negli ospedali, con gli utenti dei servizi territoriali, con gli anziani, con gli altri professionisti della sanità, con i giovani che devono scegliere un lavoro, con tutti coloro – insomma – che nel corso della propria vita hanno incontrato o incontreranno “un infermiere”.

In Italia mancano circa 60mila infermieri, quelli presenti sono stati e sono tuttora in prima linea accanto ai pazienti.

Il Coordinamento Regionale Sanità Pubblica e Privata FP CGIL ricorda che quella dell'infermiere è una professione centrale nel sistema assistenziale nazionale sia Pubblico che Privato e, nonostante la sua rilevanza, in Italia mancano circa 60mila infermieri, quelli presenti sono stati e sono tutt’ora in prima linea accanto ai pazienti, senza orari, in ogni condizione, prestando assistenza e distinguendosi per impegno e professionalità.

"La pandemia da SARS CoV- 2 ha messo in evidenza l’importanza di questa professione, fatta di valori, di competenze, di umanità, in grado di ridurre nei momenti più difficili, quella distanza che a volte isolava chi veniva assistito, lontano dai suoi affetti, grazie al rapporto diretto tra paziente/famiglia, la sinergia con le altre professioni Sanitarie, è divenuta il simbolo della lotta e la resistenza contro un nemico sconosciuto, pagando a volte un caro prezzo a favore di un bene maggiore… Per queste ragioni vanno messe in atto tutte le iniziative utili, sia per la valorizzazione del personale impegnato nella lotta alla diffusione e al contenimento del COVID-19, sia per garantire le risorse necessarie per il reclutamento del personale e per i rinnovi contrattuali della Sanità Pubblica e Privata per l’applicazione CCNL Aiop–Aris e rinnovo CCNL RSA. Va data continuità all’indennità malattie infettive l’art.86, comma 6, lettere c) del CCNL comparto sanita' 2016/2018, in emergenza da COVID-19 anche per l’anno 2021, come già richiesto all’assessorato alla Sanità della Regione Abruzzo. Come Organizzazione Sindacale che da sempre si muove a tutela dei diritti dei lavoratori tutti, ringraziamo gli infermieri ed il personale sanitario tutto per lo straordinario impegno e sacrificio, da sempre dimostrato a favore della comunità."

Pescara un cippo per Florence

In occasione della Giornata internazionale dell’Infermiere, che ricorre domani 12 maggio, il comune di Pescara intitola la rotonda di via Rigopiano | via Paolini a Florence Nightingale, fondatrice dell’assistenza infermieristica moderna. La celebrazione si terrà dalle ore 12 negli spazi della rotonda, dove verrà scoperto un cippo dedicato a questa autentica pioniera della professione. Interverranno il Sindaco di Pescara Carlo Masci, l’assessore Nicoletta Eugenia Di Nisio e i consiglieri comunali Massimiliano Pignoli e Berardino Fiorilli.

Ultima modifica il Martedì, 11 Maggio 2021 17:32

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
32668936