Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 
 
Lunedì, 06 Novembre 2023 18:09

Sibilla Barbieri si è sottoposta a suicidio assistito, l’attrice è morta in Svizzera

La Asl di Roma aveva negato la richiesta, Cappato domani si autodenuncerà

L'attrice Sibilla Barbieri si è sottoposta a suicidio assistito in Svizzera. A renderlo noto è l'Associazione Luca Coscioni riferendo che è stata accompagnata dal figlio e da Marco Perduca dell’Associazione Luca Coscioni. E' riportato su Adnkronos.

"Sibilla Barbieri, una paziente oncologica terminale e consigliera generale dell’Associazione Luca Coscioni, è morta: ha preso questa difficile decisione per porre fine alle sue sofferenze trovando nella Svizzera l'unica via disponibile perché la Asl romana ha negato la richiesta, inviata ad agosto, di poter morire legalmente in Italia", fa sapere l'Assoziazione. Autrice, produttrice, regista e attrice, la formazione professionale di Barbieri ha spaziato in diversi settori artistici. In qualità di produttrice ha fondato, assieme a Simona Barbieri, la società di produzione La Siliàn, attiva dal 2008.

"La sua scelta è stata a seguito del fatto che la sentenza numero 242/19 della Corte costituzionale stabilisce i criteri per accedere legalmente alla morte volontaria assistita - prosegue l'Associazione - Sibilla Barbieri soddisfaceva tutti i requisiti, ma le è stato negato questo diritto in Italia a causa di un’interpretazione restrittiva dei requisiti da parte dell'azienda sanitaria. Il diniego, motivato dal mancato requisito della dipendenza da trattamenti di sostegno vitale, ha obbligato Sibilla a cercare il sollievo alle sue sofferenze altrove". "Quest’azione comporta rischi considerevoli per chi l'ha aiutata. Martedì 7 novembre, Marco Cappato si autodenuncerà in quanto legale rappresentante dell’Associazione Soccorso Civile, che ha organizzato e finanziato il viaggio di Sibilla, insieme a Marco Perduca che vi ha preso parte e al figlio di Sibilla", continua l'associazione.

"Quanto Sibilla Barbieri ha dovuto subire dimostra una volta di più la totale mancanza di un confronto serio e rispettoso sul diritto alla morte. In mancanza di un dibattito istituzionale, continuerà a mancare la tutela per le persone che vorrebbero ma non possono o che o che non incontrano chi è disponibile ad aiutarle - conclude l'Associazione Luca Coscioni - È tempo di un cambiamento e di una riflessione più ampia su questo tema così rilevante per molti individui e famiglie in Italia". Secondo la Commissione multidisciplinare istituita dalla Asl Roma 1 non ricorrevano le condizioni di accesso alla morte medicalmente assistita, indicate dalla sentenza della Corte Costituzionale. La Commissione multidisciplinare, apprende l'Adnkronos dalla Asl Roma 1, "ha preso atto del parere preliminare consultivo del Comitato Etico del 28 agosto 2023, ha esaminato gli atti e verificato le condizioni della signora, anche attraverso visita collegiale multidisciplinare svoltasi in data 19 settembre 2023".

"La Commissione, dovendosi necessariamente e scrupolosamente attenere alle condizioni di accesso alla morte medicalmente assistita indicate dalla Corte Costituzionale con sentenza numero 242/19, ha ritenuto che non ricorressero le condizioni previste dalla citata sentenza, in quanto la paziente non era sottoposta ad alcun trattamento qualificabile a titolo di sostegno vitale", si precisa dalla Asl romana.

 

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233016