Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 
Giovedì, 29 Febbraio 2024 09:38

29 febbraio: cade e si rompe la Piedra Movediza, attrazione unica di Buenos Aires

Il 29 febbraio è il 60º giorno del calendario gregoriano. Mancano 306 giorni alla fine dell'anno, è un anno bisestile.

Nel calendario gregoriano, questa data cade negli anni divisibili per quattro (per esempio, il 1992, il 1996, il 2004, il 2008), ma non in quelli divisibili per cento come l'anno 1700, il 1800, il 1900, a meno che questi non siano divisibili anche per 400: sono dunque stati bisestili gli anni 1600 e 2000, e sarà bisestile, in futuro, anche il 2400. Il 29 febbraio del calendario giuliano, dal 1900, cade 13 giorni dopo il 29 febbraio del calendario gregoriano, fino all'anno 2100.

Il programma Excel prevede l'esistenza del 29 febbraio 1900. Questo è un bug che è noto con il nome di Bug dell'anno bisestile. Questo vuol dire anche che i giorni fino al 1º marzo 1900 sono sbagliati

Santo

Si celebra Antonia da Firenze, religiosa e badessa a L'Aquila, sposatasi giovanissima con un suo coetaneo, dal quale ebbe un figlio, rimase ben presto vedova; tuttavia, non volendo contrarre un secondo matrimonio nonostante le raccomandazioni dei genitori, nel 1429 decise di consacrare la sua vita a Dio e di entrare tra le terziarie francescane del Monastero di Sant'Onofrio a Firenze. Dal 1430 al 1433 fu poi badessa del Monastero di Sant'Anna a Foligno e, infine, trasferita all'Aquila con alcune compagne per volere della famiglia Branconio, resse per quattordici anni il Monastero di Sant'Elisabetta da poco fondato dalle terziarie francescane. In questi anni però, non riuscendo ad appagare il suo desiderio di una sempre più profonda contemplazione, nonostante la sua intensa vita spirituale, maturò l'idea di abbandonare il Terz’Ordine per abbracciare la Regola di Santa Chiara d’Assisi; quindi, incoraggiata da San Giovanni da Capestrano, nel 1447 fondò sempre all'Aquila, insieme a tredici compagne, il Monastero dell'eucaristia del quale diventò badessa. Nel frattempo la sua fama di santità suscitò numerose vocazioni tra le fanciulle aquilane, che entrarono come clarisse nel nuovo convento; poi, dopo aver tenuto per sette anni l'ufficio di badessa, poté dedicarsi esclusivamente alla contemplazione e al silenzio. Negli ultimi anni della sua vita fu afflitta da un'orribile piaga che seppe tenere nascosta alle consorelle; la sua morte, avvenuta il 29 febbraio 1472, fu segnata da alcuni miracoli che si verificarono prima ancora che venisse sepolta. Il suo corpo incorrotto, venerato fino al 2006 nella Chiesa del Monastero dell'eucaristia all'Aquila, è stato trasferito nel monastero delle clarisse di Santa Chiara a Paganica. Venne beatificata da papa Pio IX nel 1848. La memoria liturgica è il 29 febbraio o il 28 febbraio negli anni non bisestili.

Storia

In questo giorno:

  • Nel 1504 Cristoforo Colombo sfrutta la sua conoscenza dell'eclissi lunare di quella notte per convincere i nativi giamaicani a fornirgli dei rifornimenti. Indusse gli abitanti della Giamaica a continuare a rifornire lui e i suoi uomini affamati, intimidendoli con successo prevedendo correttamente un'eclissi lunare totale per il 1 marzo 1504 (visibile la sera del 29 febbraio nelle Americhe). Alcuni hanno affermato che Colombo usò le Effemeridi dell'astronomo tedesco Regiomontano , egli stesso attribuì la predizione all'Almanacco di Abraham Zacuto, astrologo , matematico, che prestò servizio come astronomo reale al re Giovanni II del Portogallo. Il suo astrolabio di rame , le tavole astronomiche e le carte marittime giocarono un ruolo importante nella capacità di navigazione spagnola e portoghese. Furono utilizzati da Vasco Da Gama e, apputo, da Cristoforo Colombo.
  • Nel 1712 in Svezia il 29 febbraio è seguito dal 30 febbraio, allo scopo di abolire il calendario svedese e tornare al calendario giuliano. Rimase in uso dall'11 marzo 1700.
  • Nel 1848 viene promulgata la Costituzione siciliana, firmata da Ferdinando II, re delle Due Sicilie.
  • Nel 1912, tra le 17 e le 18, la Piedra Movediza, attrazione di Tandil/Buenos Aires, cadde e si ruppe. La Piedra Movediza ( l"Pietra traballante") era una roccia di 300 tonnellate in equilibrio sul bordo una collina, forse per atti vandalici o per vibrazioni causate da esplosioni in una cava vicina, nessun testimone presente. Non è mai stata fornita alcuna ragione ufficiale per la sua caduta. Dondolava dalla mattina alla sera in modo molto lento (impercettibile alla vista). La gente era solita posizionare le bottiglie di vetro sotto il fondo dell'enorme roccia solo per vederle fracassate più tardi nel corso della giornata. Venne installata nel 2007 una eplica della pietra originale.

Aforisma

“Se fai sempre quello che hai sempre fatto allora avrai sempre quello che hai già avuto.”

ANTHONY ROBBINS

Curiosità

Una tradizione di origine nordica stabilisce che le donne possono dichiararsi agli uomini in questo giorno, con in mano una con una zucchina che dovranno baciare tre volte.

 

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233016