Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Giovedì, 24 Marzo 2016 16:43

Montesilvano. Addio sorteggio! Ad ogni 'poltrona' una quota scrutatori. M5S: con la scusa del codice etico

Scritto da ....

Tocco: “Accolte le richieste che ci sono pervenute” - “Ogni consigliere e ogni assessore ha avuto il diritto di indicare direttamente una quota di scrutatori.” M5S non indica nomi: “Chi è fuori dal 'giro' resta sempre un figliastro". 

 

M5stelle parla di "dietrofront di Maragno e Tocco" e dicono “Purtroppo Maragno e Tocco sono stati costretti a rimangiarsi la parola.” Così il M5S: “Ancora una volta a Montesilvano ha vinto la vecchia politica: dietro il paravento di un 'codice etico'”. Si legge in unanota a firma M5S “Siamo esterrefatti dal dietrofront del sindaco Maragno e del consigliere Tocco sulla nomina degli scrutatori per il referendum del prossimo 17 aprile. Avevano invitato i cittadini disoccupati e con difficoltà economica, iscritti all'albo degli scrutatori, a presentarsi spontaneamente presso la Sala Consiliare, annunciando di ricorrere al sorteggio qualora il numero dei presenti avesse superato i 156 necessari. Avevamo accolto questa scelta, che secondo noi rispettava il principio di trasparenza.” “Chi voleva prestare la propria opera come scrutatore è dovuto passare per il filtro delle conoscenze. C’è stato bisogno della 'raccomandazione' per fare lo scrutatore e lavorare due giorni durante il referendum? Chi è fuori dal 'giro' resta sempre un figliastro". E fa sapere “Noi non abbiamo fornito nominativi! Noi siamo per il sorteggio tra disoccupati, studenti e persone con basso reddito! Questa è la modalità per cui ci siamo sempre battuti, poichè assicura la massima indipendenza degli scrutatori e la loro rotazione nelle sezioni elettorali, a maggior garanzia della trasparenza e della correttezza delle operazioni.” “Questa vicenda ha messo di nuovo a nudo, qualora ce ne fosse ancora bisogno, la debolezza politica del sindaco Maragno, il quale non può contare sull'appoggio della sua maggioranza nemmeno su vicende che attengono alla solidarietà e alla trasparenza. Come al solito a Montesilvano le scelte di buon senso si scontrano con gli "interessi particolari" della vecchia politica."

Ultima modifica il Giovedì, 24 Marzo 2016 18:13