Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 01 Novembre 2019 20:10

Pescara - Pisa, i biancazzurri cercano la vittoria per dimenticare Castellammare di Stabia.

Scritto da di Massimo Sanvitale

di Massimo Sanvitale

Domani, con inizio ore 15:00, i biancazzurri ospiteranno il Pisa dell’allenatore pescarese Luca D’Angelo, per una partita che deve dare risposte identitarie ad una squadra illeggibile. In altri termini, è da comprendere – al più presto – se il Pescara del futuro somiglierà a quello visto e ammirato contro il Benevento o a quello spento e senza idee di Castellammare.

 

A dire la verità, la nostra prospettazione contiene già una sensibile dose di ottimismo. Il Pescara infatti, a ben guardare, ha convinto in una sola delle dieci partite giocate. La speranza di un reale cambio di rotta può tuttavia poggiarsi sull’idea di gioco offerta contro il Benevento, in aperto contrasto con il torpore orizzontale sin lì subito dai tifosi. Di certo qualche infortunio ha complicato le cose: l’assenza di Fiorillo, soprattutto, pesa e peserà.

Torna Memushaj, rimasto fuori dalla sconfitta di martedì a scopo precauzionale. Con lui, a completare il reparto di centrocampo ci saranno Palmiero e Busellato. Quest’ultimo, peraltro, aveva trovato una particolare posizione di campo in collaborazione con Ciofani, andando a coprire il terzino in spinta e garantendo un buon equilibrio alla fascia destra. Vedremo se domani sarà replicato il meccanismo anche con Zappa, probabile titolare.

Zauri, intanto, fa il punto sui disponibili: “Sono tutti convocati ad eccezione di Campagnaro che non ha recuperato”. In particolare, a disposizione anche Luca Crecco, al rientro dopo il lungo stop. Parte della conferenza, come prevedibile, è incentrata più sulla sconfitta del Menti che sulla partita di domani. Il mister, tuttavia, si limita a commentare gli episodi con forse eccessivo fatalismo, quasi a voler fuggire dalla vicenda: “A Castellammare potevamo vincere ma non lo abbiamo fatto per colpa nostra. I meriti della Juve Stabia ci sono, ovvio, ma i due gol sono nostri errori. Soprattutto il primo gol è stato un errore grossolano, eravamo a difesa schierata. Non siamo fortunati nemmeno con gli episodi arbitrali, ad esempio il secondo gol loro nasce da un errore di valutazione dell’arbitro perché era calcio d’angolo per noi. Poi pensavo che il calcio di rigore subito a inizio partita, che è un episodio negativo, potesse trasformarsi in qualcosa di positivo una volta parato. Mi aspettavo di fare il due a zero e non di subire il pareggio”. Ancora il mister, sulla partita di domani: “Domani voglio vedere la mia squadra e non voglio pensare al Pisa. Non mi interessa come giocheranno loro, voglio vincere”. Onestamente sembra una dichiarazione un po’ vuota. Vorrebbe essere, forse, la chiamata alle armi di un condottiero, che però deve ancora dimostrare di essere tale. In altre parole, la forza delle idee è – quasi – sempre preferibile ad ogni abusata garra.

Il Pisa si trova a pari punti con il Pescara ma, al contrario dei biancazzurri, il campionato della squadra toscana può dirsi in linea con le aspettative. Qualche dubbio di formazione per mister D’Angelo, diviso tra il 3-5-2 e il 4-3-1-2, con i rumors che danno quest’ultima come scelta più probabile. Siega dovrebbe essere il trequartista, alle spalle di Marconi e Masucci.

Finora il Pescara ha avuto il lusso di poter parlare di calcio per assoluti. In caso di sconfitta domani, invece, la classifica costringerà crudelmente ad inserire la voce “punti” tra gli ordini del giorno.

Probabili formazioni:

Pescara (4-3-2-1) Kastrati; Zappa, Bettella, Scognamiglio Masciangelo; Busellato, Palmiero, Memushaj; Galano, Machin, Borrelli. All. Luciano Zauri

A disposizione : Farelli, Sorrentino, Vitturini, Drudi, Crecco, Ingelsson, Palmucci, Cisco, Maniero, Di Grazia, Brunori, Bocic, Pavone. Indisponibili : Fiorillo, Campagnaro, Balzano, Tumminello, Chochev, Melegoni, Kastanos, Ciofani (squalificato). Non convocati Del Grosso e Bruno

Pisa (4-3-1-2) Gori; Belli, Ingrosso, Benedetti; Lisi; Gucher, Marin, Di Quinzio; Siega; Marconi, Masucci. All. Luca D’Angelo

A disposizione : Perilli, D’Egidio, Aya, Asencio, De Vitis, Fabbro, Fischer, Izzillo, Liotti, Meroni, Minesso, Moscardelli, Pinato, Verna. Indisponibili: Birindelli (squalificato), Varnier

Ultima modifica il Venerdì, 01 Novembre 2019 20:14