Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 27 Maggio 2020 17:33

Pescara taglia soldi per eventi e cultura: 100.000€

Scritto da redenz

Maiale - Di Iacovo: “La Cultura ed i lavoratori di questo settore vanno sostenuti, la ripartenza deve prendere avvio da qui”.

Il settore della Cultura, gli eventi, i festival, i circoli culturali, le associazioni, i musei, i professionisti e gli artisti - pilastro ed eccellenza del nostro Paese - stanno uscendo duramente colpiti dal lockdown e, più di altri settori, rischiano una ripartenza lenta e disorganizzata.

“Il Partito Democratico a livello nazionale, con il Ministro Franceschini, si sta impegnando per sostenere il settore - afferma Nicola Maiale, segretario provinciale del Pd - lo sviluppo culturale, assieme a quello dell’Università, della Scuola e della Ricerca, deve essere in testa all’agenda della ripartenza. È un cantiere in continua evoluzione, orgoglio del nostro Paese, e bisogna sostenerlo soprattutto in questa fase. Attraverso la cultura, gli eventi, i musei, si genera un importante indotto economico e turistico etico e virtuoso, per i lavoratori del settore e per la nostra Regione”. Il Comune di Pescara, per far fronte alle necessarie spese emergenziali, taglierà i già esigui fondi stanziati nel settore, 100.000€, che erano destinati per le decine di associazioni e professionisti del settore, i musei della Città e gli importanti eventi noti a livello nazionale: il FLA e l’Indierocket.

“La scorsa Amministrazione aveva deciso di investire sulla vivacità di questa città e sulla creatività dei suoi giovani - afferma Giovanni Di Iacovo, consigliere Comunale del PD nel gruppo Pescara Città Aperta e già Assessore alla Cultura - Pescara era stata classificata nella “Top 5” del Sole 24 Ore per iniziative culturali e aveva raggiunto rilevanza nazionale grazie ai suoi eventi ed alla professionalità dei lavoratori del settore, che, ora più che mai, vanno supportati. L’attuale Giunta di destra ha impoverito e disdegnato questo settore e queste potenzialità: è avvenuta in quest’anno una desertificazione delle iniziative culturali ed ora, con questa manovra, è stato dato il colpo di grazia a centinaia di lavoratori.” “Riteniamo fondamentale che le Istituzioni locali comprendano con lungimiranza l’importanza per la collettività della Cultura - concludono Maiale e Di Iacovo - la ripartenza per Pescara e per il Paese deve avvenire dall’intelligenza, dalla bellezza e dalla creatività.”

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
31657997