Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Venerdì, 24 Dicembre 2021 12:50

Annanz' a lu Presepe

Scritto da Luigi Fecondo

Di Luigi Fecondo

Stando di fronte al Presepe, un magnifico dono per ciascuno di noi, mi scopro bisognoso di pace e di amore.

Innanzi al Presepe non ho paura e mi rivedo bambino, e non chiudo gli occhi, ma anzi desidero incontrare uno sguardo amico e di una carezza: ogni momento, in fondo in fondo, è buono per un gesto di tenerezza.

Dentro il Presepe c'è spazio per tutti gli uomini di buona volontà e aperti al Mistero perché da oggi "Non c'è più giudeo né greco, non c'è più schiavo né libero, non c'è più uomo né donna, poiché tutti voi siete in Cristo Gesù." (Galati 3,28).

Buona lettura e buon ascolto a tutti voi.

Buon Natale e buone feste...



Annanz' a lu Presepe

1.

Annanz' a lu Presepe,

lu risvejie di lu core,

jié pijiene di stupore:

ci sta lu puverell' e la prustitute;

lu lutem' e pure lu 'mbriacone.

2.

Nella città di Davide,

a Bitlemme di Giudea,

nel tempo di Erode lu paurose e dittatore, ma pure gilos' e cattivone,

ugg' jié nate pi tutti quanti,

e "viene ad abitare in mezzo a noi",

"un bambino avvolto in fasce, dentro na mangiatoia:"

jié Gesù Cristo Signore,

alleluja alleluja

nostro unico Salvatore.

3.

Annanz' a lu Presepe,

lu  bue e l'asinelle,

di cundorne stann' in pose, 

dendr' a lu ricinte senza ripose.

4.

Giusepp' e la sua dolce madre Marie,

nghi li pastur' e li rimage:

Melchiorre, Baldassarre e Gaspare,

vinute da molto lundane,

[nghi tre doni assaje 'mburtande: oro, incenso e mirra],

per adorare sotta li stelle, 

il re dei Giudei,

Gesù lu bambinelle.

5.

Solo a st' annanz' a lu Presepe,

da la ser' a la matine, pur' ji,

aridivente nu quartrarelle

da lu core bbon' e bbelle

ca' m' aritrove facilmente 'nghi li stelle...

6.

Li statuine di artigiani e di viandanti

con i pastori, li zambugnar' e gli animali sopr' a la mundagne,

la stella cumeta puggiate sopr' a la grotta 

e lu calore di la capanne

m' ariembjie e mi sulleve in cielo di na spanne...

7.

Oh mio bambin Gesù, ca' da dendr' a na culla di pajie 

dimustre a tutte lu monne lu trone Riale.

Dentro la tua tenerezza riveli la tua forza, potenza e saggezza:

Mistero di totale bellezza,

ca' neanche lu cchiù de l'omino cattive,

po' arisiste a la tua ineffabile carezza!

8.

Annanz' a lu Presepe,

mentre guarde in silenzjie

l'amore e l'umiltà di Gesù bambino,

riscopro lu significate di tutte cos' e di la vita me:

jié nu mistero 'mburtande

ca' j' adema purtà 'ngore di piena puvirtà.

Ugge jié na gran festa pi lu monn'dere:

pi li bbun' e pure pi li firastere,

picché jié nate lu nostre Salvatore,

e nu tutti quanti, l'adema gridá fino a esplode 'nbette

a gran voce, pi tutta l'itirnitá.

Luigi Fecondo

*

*

*
Traduzione in lingua italiana.

*

*

*

Innanzi al Presepe

1.

Innanzi al Presepe,

il risveglio del cuore,

è pieno di stupore:

ci sta il poverello e la prostituta;

l'ultimo ed anche l'ubriacone.

2.

Nella città di Davide,

a Betlemme di Giudea,

nel tempo di Erode il pauroso e dittatore, ma anche geloso e cattivone,

oggi è nato,

e "viene ad abitare in mezzo a noi",

"un bambino avvolto in fasce, dentro una mangiatoia:"

è Gesù Cristo Signore,

alleluja alleluja

nostro unico Salvatore.

3.

Innanzi al Presepe,

il bue e l'asinello,

di contorno stanno in posa, dentro al recinto senza riposo.

4.

Giuseppe e la sua dolce madre Maria,

con i pasturi e i re magi:

Melchiorre, Baldassarre e Gaspare,

venuti da molto lontano,

[con tre doni: oro, incenso e mirra],

per adorare sotto le stelle, 

il re dei Giudei,

Gesù il bambinello.

5.

Solo stando innanzi al Presepe,

dalla sera alla mattina, anch'io torno bambino,

dal cuore buono e bello

che mi ritrovo facilmente tra le stelle...

6.

Le statuine di artigiani e di viandanti

con i pastori, i zampognari e gli animali sopra la montagna,

la stella cometa poggiata sopra la grotta 

ed il calore della capanna

mi riempie e mi solleva in cielo di una spanna in più...

7.

Oh mio bambin Gesù, che da dentro una culla di paglia

dimostri a tutto il mondo il trono Reale.

Dentro la tua tenerezza riveli la tua forza, potenza e saggezza:

Mistero di totale bellezza,

che neanche l'uomo più cattivo della terra,

può resistere alla tua ineffabile carezza!

8.

Innanzi al Presepe,

mentre guardo in silenzio

l'amore e l'umiltà di Gesù bambino,

riscopro il significato di tutte le cose e quello della mia vita:

è un mistero importante

che ci dobbiamo portare nel cuore totalmente povero.

Oggi è una gran festa per il mondo intero:

per i buoni amici e parenti ed anche per i forestieri,

perché è nato il nostro Salvatore,

e tutti quanti noi, lo dobbiamo gridare

a gran voce, per tutta l'eternità.

Luigi Fecondo

chiacchiere da ape