Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Martedì, 07 Giugno 2022 10:32

Matthew McConaughey sulle armi: responsabilità invece di controllo.

Scritto da A.C.

È una scelta tipicamente americana: dove ho il diritto di essere me stesso, tu hai la libertà di essere te stesso e noi abbiamo la responsabilità di essere USA".

L'attore premio Oscar Matthew McConaughey , originario di Uvalde, in Texas, dove il mese scorso 21 persone sono state uccise in una massiccia sparatoria in una scuola, ha dichiarato ieri, lunedì, che è tempo di prendere misure per garantire la responsabilità delle armi.

McConaughey, che prese in considerazione la candidatura a governatore del Texas , ha espresso in un editoriale sull'Austin American-Statesman: le riforme popolari, come i controlli sui precedenti, l'istituzione di leggi sulla bandiera rossa e l'innalzamento dell'età per l'acquisto di un fucile d'assalto dovrebbero essere prese seriamente in considerazione.

Si legge su Upi. L'attore ha inquadrato la sua proposta come "responsabilità delle armi" invece di "controllo delle armi".

"C'è una differenza tra controllo e responsabilità", ha scritto McConaughey. "Il primo è un mandato che può violare la nostra destra; il secondo è un dovere che lo conserverà. Non c'è barriera costituzionale alla responsabilità delle armi.

"Tenere le armi da fuoco lontane dalle mani di persone pericolose non è solo la cosa responsabile da fare, è il modo migliore per proteggere il Secondo Emendamento. Possiamo fare entrambe le cose".

Allo stesso modo, il presidente Joe Biden ha chiesto maggiori controlli sui precedenti, aumentando l'età richiesta per l'acquisto di un fucile d'assalto e consentendo leggi "bandiera rossa" che consentono alla polizia o ai propri cari la possibilità di impedire alle persone di acquistare un'arma se rappresentano una minaccia per stessi o altri.

"Credo che gli americani responsabili e rispettosi della legge abbiano il diritto del Secondo Emendamento, sancito dai nostri fondatori, di portare armi", ha detto McConaughey. "Credo anche che abbiamo l'obbligo culturale di adottare misure per rallentare l'uccisione insensata dei nostri bambini. Il dibattito sul controllo delle armi non ha prodotto altro che lo status quo. È ora di parlare di responsabilità sulle armi". Nell'editoriale, McConaughey ha cercato di allontanare la discussione dalla politica - dove i democratici hanno chiesto riforme sulle armi mentre i repubblicani si sono opposti a qualsiasi legislazione che limiti le armi - e nell'obbligo di proteggere vite umane.

"Questa non è una scelta tra pistole o niente pistole", ha detto McConaughey. "È la scelta responsabile. È la scelta ragionevole. È una scelta tipicamente americana: dove ho il diritto di essere me stesso, tu hai la libertà di essere te stesso e noi abbiamo la responsabilità di essere USA.

"Per trovare un terreno comune su questo problema, entrambe le parti dovranno rispondere all'appello e raggiungere il livello più alto della nostra responsabilità collettiva. Gli affari come al solito non funzionano".

Viee da riflettere sul fatto che alle armi nessuno vuole rinunciarvi, anche con la scusadella responsabilità.

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743