Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Sabato, 26 Ottobre 2019 18:31

Pescara-show, 4 reti al Benevento

Scritto da
Machin, autore di una doppietta Machin, autore di una doppietta Pescara Calcio

Clamorosa affermazione del Delfino contro la capolista sannita (4-0).

 

Prosegue il folle campionato del Pescara: dopo l'inopinata sconfitta di sette giorni fa contro lo Spezia fanalino di coda, i biancazzurri si riscattano e strapazzano la prima della classe con un perentorio 4-0. Il Benevento incappa invece nel primo stop stagionale (era l'unica squadra ancora imbattuta nel torneo cadetto) e soprattutto incassa 4 gol in una frazione di gioco dopo averne subiti solamente 3 nelle prime 8 giornate. Continua infine la tradizione negativa di Pippo Inzaghi (adesso sulla panchina dei giallorossi), sempre sconfitto in riva all'Adriatico come allenatore.

Mister Zauri si affida ad un 4-3-2-1, uno schema ad "albero di Natale" con Galano e Machin a supporto del giovane Borrelli (classe 2000), imponente terminale offensivo con i suoi 194 cm. Proprio Galano dimostra di essere uno dei più in forma, coprendo la fascia e retrocedendo anche all'indietro per dare supporto a centrocampo. La "mente" dei biancazzurri è invece Palmiero, da cui partono tutte le iniziative dei padroni di casa. Pescara già pericoloso nella prima frazione di gioco: al 25' è Masciangelo a dissipare una ghiotta occasione fallendo un facile passaggio per il liberissimo Galano (era un contropiede un due contro uno), mentre al 43' Borrelli dinanzi alla porta non finalizza un assist dalla sinistra di Memushaj. Tutti nella ripresa i gol dei padroni di casa, che vanno a segno già nel primo minuto di gioco con Memushaj al termine di una splendida triangolazione; il raddoppio di Machin al 53' (colpo di testa sul primo palo dopo un preciso cross di Ciofani) è letale per il Benevento, sorpreso da tanta veemenza. I sanniti provano una timida reazione, ma nell'unica vera occasione da gol è Bettella a compiere un miracoloso salvataggio sulla linea con Kastrati ormai battuto (58'). La frustrazione prende il sopravvento negli ospiti, tanto che Viola per ben due volte stramazza a terra simulando di aver ricevuto un colpo al viso. Il Pescara non cede alle provocazioni e, con gli spazi lasciati aperti, trova altre due volte la via del gol: al 76' è Machin a realizzare la sua doppietta al termine di un poderoso contropiede, mentre al 93' Maniero, su calcio di rigore concesso per un intervento falloso su Memushaj, aggiunge la sua firma al clamoroso poker biancazzurro.

Pescara di nuovo in campo martedì sera (ore 21), ospite dello Juve Stabia.

 

PESCARA (4-3-2-1): Fiorillo (46' Kastrati); Ciofani, Bettella, Scognamiglio, Masciangelo; Memushaj, Palmiero, Busellato; Machin (79' Bruno), Galano, Borrelli (70' Maniero). All.: Zauri.

BENEVENTO (4-4-2): Montipò; Maggio, Tuia, Caldirola, Letizia; Insigne, Hetemaj, Viola, Improta (58' Schiattarella); Sau (71' Armenteros), Coda. All.: Inzaghi.

Arbitro: sig. Baroni di Firenze.

Marcatori: 46' Memushaj, 53' Machin, 76' Machin, 93' rig. Maniero.

Note: ammoniti Borrelli, Busellato, Maggio, Tuia, Machin; spettatori 7.339 (di cui 1.332 ospiti) per un incasso di 54.615 €.

 

Ultima modifica il Sabato, 26 Ottobre 2019 18:37