Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Giovedì, 11 Agosto 2022 12:27

Business delle sigarette elettroniche in Europa: ecco la situazione odierna

Scritto da neer

Secondo alcuni studi, si evince che la sigaretta elettronica sia tendenzialmente meno nociva rispetto a quella tradizionale.

 

Ciò ha portato a un aumento del commercio di questo prodotto all’interno del mercato europeo, che registra numeri positivi e prevede una curva di crescita negli anni a venire.

Infatti, sono sempre più persone che scelgono di acquistare nei negozi al dettaglio, come lo store online di Terpy, portale di riferimento per i più del settore.

Ma quindi qual è la situazione odierna del business delle e-cig? E come spiegare questa crescita costante?

Con l’obiettivo di rispondere a queste domande, in questo articolo si analizzerà il quadro generale del mercato europeo delle sigarette elettroniche.

Business della sigaretta elettronica: panoramica del mercato europeo

Mercato della e-cigarette: quadro generale e stime future per l’UE

Il mercato europeo delle sigarette elettroniche dovrebbe registrare un CAGR del 13,17% nel periodo di previsione 2022-2027.

Come sappiamo, il fumo regolare è legato a gravi malattie e la diffusione del COVID-19 ha avuto un impatto sia sul tabacco che sulle sigarette elettroniche, in quanto molti Paesi hanno accettato il fatto che i fumatori avevano una probabilità 14 volte maggiore di morire a causa di COVID-19 con lo scoppio della pandemia.

Anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato delle linee guida che indicano i rischi per la salute associati all'uso di sigarette elettroniche: è emerso, infatti, che le persone che fanno uso di vaporizzatori avevano una probabilità da cinque a sette volte maggiore di essere infettate da COVID-19 rispetto a coloro che non ne fanno uso.

Nonostante ciò, le sigarette elettroniche e i vaporizzatori sono considerati tendenzialmente meno dannosi per la salute rispetto al tabacco tradizionale.

D'altra parte, Paesi europei come il Regno Unito e la Francia non sostengono gli studi dell'OMS e continuano a ritenere che le sigarette elettroniche abbiano un impatto meno dannoso sulla salute rispetto al tabacco tradizionale.

Pertanto, la domanda di sigarette elettroniche sembra crescere nei Paesi europei.

Ciò è dovuto alla forte motivazione dei suoi consumatori, mossi da preoccupazioni per la salute che però hanno finalmente visto i risultati desiderati nei loro tentativi di smettere e/o diminuire l'uso di sigarette convenzionali.

Quindi, nonostante le preoccupazioni espresse da alcuni medici sull'uso prolungato delle sigarette elettroniche, il basso fattore di rischio associato all'uso di e-cigarette rispetto alle sigarette convenzionali sta guidando la crescita del mercato.

In particolare, è stato osservato che i negozi al dettaglio specializzati, come tabaccherie e vape shop, sono il canale più popolare.

Il canale di vendita al dettaglio online è stato influenzato dall'introduzione della Direttiva sui prodotti del tabacco 2014/14/UE (TPD) nell'Unione Europea, a causa della quale alcuni Paesi hanno vietato le vendite a distanza transfrontaliere di sigarette elettroniche.

Principali tendenze del mercato delle sigarette elettroniche

Con l'obiettivo di ridurre l'uso di sigarette tradizionali, i consumatori dell’UE utilizzano sempre più spesso le e-cig.

Poiché le sigarette elettroniche imitano l'esperienza del fumo delle sigarette al tabacco, i consumatori le utilizzano sempre più spesso per soddisfare la loro dipendenza da nicotina.

La differenza?

Le sigarette elettroniche non producono il catrame normalmente contenuto all’interno di quelle tradizionali che è, tra le altre cose, la causa principale del cancro ai polmoni.

E poiché questi prodotti sono offerti in forme con o senza nicotina, sono considerati un'alternativa migliore dalla maggior parte della popolazione.

Pertanto, il prodotto sta acquisendo maggiore consapevolezza e un numero sempre più crescente di fumatori sta provando e accettando le sigarette elettroniche come alternativa alle sigarette di tabacco.

Ma non è tutto.

Infine, secondo l'Associazione Europea di Sanità Pubblica, circa il 15% della popolazione europea ha provato le sigarette elettroniche almeno una volta nella vita, per sostituire le sigarette normali o per fare una nuova esperienza.

Questo doppio uso ha aumentato in modo significativo il numero di utilizzatori di sigarette elettroniche (definiti svapatori o vaper) e si prevede che guiderà il mercato nei prossimi anni, in quanto è stato osservato che i consumatori di questo tipo di sigarette cercano di diminuire gradualmente il consumo di tabacco nel tempo.

Il Regno Unito detiene una quota di mercato significativa nel business delle e-cig

Il Regno Unito è il più grande mercato per le sigarette elettroniche in Europa e il secondo al mondo, detenendo un ruolo di leadership indiscusso.

L'uso delle sigarette elettroniche nel Paese sta aumentando grazie al numero crescente di utenti e al sostegno delle autorità sanitarie.

Secondo Action on Smoking & Health, la ragione più comune per cui si ricorre al vaping nel Regno Unito è quella di smettere di fumare.

Infatti, come è stato ribadito più volte in questo articolo, le autorità britanniche ritengono che questi dispositivi siano un mezzo per consentire alle persone di abbandonare la dannosa abitudine di utilizzare sigarette tradizionali.

Conclusioni

In questo articolo si è offerta una panoramica generale del mercato della sigaretta elettronica al livello europeo.

Al momento, si stima una crescita del suo consumo perché sono in molti a ritenere che la e-cig sia meno nociva del tabacco e che aiuti concretamente a smettere di fumare (o ridurre il consumo di sigarette tradizionali).

Infine, si è visto che il Regno Unito detiene una quota di mercato abbastanza significativa per quanto riguarda la vendita di questi prodotti e che è destinata ad aumentare negli anni.

chiacchiere da ape